Via dei Mercuri. I cittadini denunciano: “gravi pericoli”

18:53:33 1079 stampa questo articolo
Via dei MercuriVia dei Mercuri

La Consulta, in una nota, elenca tutti i disagi presenti in zona.

Con una richiesta inviata a Clemente Mastella, sindaco di Benevento, a Francesco Antonio Cappetta prefetto del capoluogo sannita, ad Antonio Di Maria presidente della Provincia ed al Comando Polizia Municipale di Benevento, Angela Intorcia, portavoce della costituita “Consulta Abitanti Via dei Mercuri”, ha voluto segnalare l’estremo pericolo attualmente in atto sulla strada Via dei Mercuri che collega parte della strada provinciale Vitulanese con la zona industriale Contrada Olivola.

“Tale strada – si legge – parallela al cantiere stradale per la realizzazione della via di collegamento della strada provinciale Vitulanese con la nuova strada Fondo Valle Vitulanese ormai in totale abbandono, attualmente si evidenziano punti di grave pericolo: Manto stradale totalmente usurato con la presenza di buche che mette in grave pericolo la circolazione soprattutto di chi utilizza le due ruote per i propri spostamenti, oltre che ovviamente l’incolumità di automobilisti e pedoni che di lì transitano. Mancanza di messa in sicurezza di tutto il cantiere fondo Valle Vitulanese, dove in molti punti il dislivello con la strada Via dei Mercuri e di decine di metri senza un minimo di recinzione di sicurezza, inoltre durante le pioggie i vari canali della strada provinciale confluiscono tutti nella zona al di sopra di tale cantiere, creando un vero e proprio lago che poi crea pericolo di allagamento alle abitazioni adiacenti alla Via dei Mercuri. Mancanza di manutenzione dei dossi artificiali “utili per far moderare la velocità alle tantissime autovetture che transitano ad alta velocità” in parte non più esistenti e verifica della segnaletica stradale. Mancanza di pulizia degli arbusti cresciuti nella zona di terreno di proprietà comunale adiacente alla Via dei Mercuri, intervento urgente dovuto sia per la loro altezza con conseguente pericolosità, sia per eventuale caduta su auto in transito come già accaduto, sia per la scarsa visibilità. Totale assenza di verifica e controllo da parte della Polizia Municipale sia per gli automobilisti che transitano ad alta velocità, sia per il rispetto del divieto di transito riservato solo ai residenti”.

Da qui, l’invito agli enti da parte della Consulta, ognuno con le proprie competenze e responsabilità, a porre in essere ogni provvedimento volto a ripristinare la sicurezza stradale, ricordando che: “in caso di incidente con morti o feriti a causa di detta insidia, invierà istanza/denuncia alla Autorità Giudiziaria chiedendo di accertare l'esistenza obiettiva di pericolo o di insidie della strada, dovuti a condotta colposa omissiva o commissiva dell'ente proprietario e l'eventuale nesso di causalità tra tale condotta e danni subiti dagli utenti”.



Articolo di Attualità / Commenti