Abbonamenti Benevento, Scarinzi e Aversano lanciano appello a Vigorito. Si mobilita anche associazione disabili

14:34:7 2032 stampa questo articolo
Stadio Ciro Vigorito Stadio Ciro Vigorito

Scarizi ed Aversano chiedono a Vigorito "qualche modifica ai prezzi stabiliti, poter prevedere pagamenti dilazionati, una riduzione per i minori, agevolazioni per le famiglie che vogliono acquistare l’abbonamento". Una richiesta è giunta anche dall'Associazione disabili.

“Abbiamo letto sul sito ufficiale del Benevento Calcio il lancio della campagna abbonamenti per il campionato 2017/18, il campionato della storia, il primo in Serie A e leggendo i prezzi degli abbonamenti per i vari settori si nota un incremento medio che si aggira intorno al 50% rispetto allo scorso campionato di Serie B”.

Comincia così la nota dei consiglieri comunali Luigi Scarinzi e Marcellino Aversano che intervengono sul costo degli abbonamenti e lanciano un appello. Diverse, infatti, erano state le polemiche per la mancanza di pacchetti promozionali per le famiglie, per gli over 60 e le donne. (leggi qui)

“Ci rivolgiamo al presidente Vigorito – aggiungono – indiscusso primo artefice della promozione della squadra in massima serie affinché possa intervenire per apportare degli accorgimenti che possano rendere possibile l’acquisto dell’abbonamento da parte di tutti quei cittadini che da sempre seguono e sostengono la squadra ma che a queste condizioni potrebbero non avere la possibilità di coronare il sogno di una vita. Ben sappiamo che siamo in serie A e che un aumento dei prezzi rispetto allo scorso campionato era ampiamente prevedibile, così come siamo consci che il Benevento Calcio spa è una società di capitale privato, ma è pur vero che il calcio, anche ai massimi livelli, ha una funzione sociale primaria, soprattutto in realtà depresse dal punto di vista sociale ed economico, dove tanti giovani e meno giovani sono disoccupati e dove il calcio resta l’unico strumento di aggregazione e di svago ma anche un mezzo di riscatto e di identità sociale".

Scarinzi e Aversano precisano: "Pensiamo anche alle tante famiglie che negli ultimi anni si sono avvicinate e appassionate alla squadra, seguendola sia in casa che in trasferta. E soprattutto per i giovani e per le famiglie che chiediamo al presidente Vigorito, appellandoci alla sua nota sensibilità, di voler portare qualche modifica ai prezzi stabiliti ovvero poter prevedere pagamenti dilazionati, un’ulteriore riduzione per i minori alzando la soglia di età, degli sconti o delle agevolazioni per le famiglie che vogliono acquistare l’abbonamento. In questo modo la società non avrebbe una consistente riduzione delle entrate previste, il numero di abbonamenti venduto sarebbe decisamente maggiore e lo stadio ogni domenica sarebbe pieno, pronto a sostenere come sempre, con il consueto calore, la squadra. Ma soprattutto tutti i cittadini avrebbero “ la pari opportunità” di poter essere protagonisti del sogno che abbiamo atteso per una vita".


A scrivere a Vigorito inoltrando una richiesta contenente delle facilitazioni dei costi per i disabili gravi è anche Mariano De Luca, presidente provinciale della Federazione delle Associazioni Nazionali per Disabili (Invalidi Civili – Ipovedenti – Sordi – Invalidi lavoro – Invalidi per servizio).

De Luca chiede che: “venga facilitato l’ingresso rivolto ai tifosi diversamente abili con certificato di invalidità al 100% e che necessitano di assistenza continua (condizione che deve essere riportata sul certificato di invalidità), prevede la possibilità di accedere gratuitamente allo stadio con un accompagnatore obbligatoriamente maggiorenne. Siamo certi – ha concluso – che quanto ha già dimostrato per la provincia di Benevento, venga nobilitato da un grande gesto di apprezzabile solidarietà”.



Articolo di Calcio / Commenti