Associazione storica Valle Telesina, Maggio dei libri: presentazione libro dell'architetto Ciaburri

10:24:34 1344 stampa questo articolo
Vista aerea di Cerreto Sannita - CiaburriVista aerea di Cerreto Sannita - Ciaburri

La presentazione è organizzata dall’ Associazione Storica Valle Telesina ed è il primo appuntamento delle iniziative promosse in occasione del “il maggio dei Libri”, promosso dal MiBact.

“La forma come resistenza sismica – una città ricostruita dopo il terremoto del 1688” è il titolo del libro dell’architetto Nicola Ciaburri, che sarà presentato il 12 maggio, alle ore 18, presso l’Abbazia di S. Salvatore Telesino. Ne discuteranno con l’autore il presidente dell’Associazione Rosario De Iulio, il prof. Gregorio Rubino, docente di Storia dell’Architettura presso l’ Università di Napoli “Federico II” e il giornalista Billy Nuzzolillo.
 
Il libro di Ciaburri, edito da Teta Print, è uno studio accurato sulla forma urbis di Cerreto Sannita, città di fondazione, a 330 anni dalla sua riedificazione. La città, infatti, fu ricostruita a seguito del disastroso terremoto del 1688. Il testo parte da un’analisi ambientale del sito dove sorge il centro urbano, ne analizza l’aspetto bioclimatico (esposizione), la geologia e i rapporti con i precedenti terremoti storici. Importanti sono gli aspetti economici del territorio nel periodo della sua costruzione, quando i tre quarti della popolazione attiva vivevano di tessitura dei panni-lana e di agricoltura.
 
Partendo dalle differenze con altre città di fondazione coeve come la siciliana Noto, l’autore analizza le tecniche costruttive edilizie in relazione alle conoscenze tecnologiche del tempo in tema di costruzioni antisismiche. Il lavoro si conclude con la risposta alla domanda se Cerreto Sannita può considerarsi la prima città antisismica. Il libro si presenta ricco di immagini, che sicuramente ne facilitano la lettura anche per un lettore non esperto di architettura e di urbanistica, infatti la scrittura è scorrevole e di facile comprensione. Altro punto forte è la ricca appendice. Difatti, nella parte finale del libro vi sono alcuni disegni e schizzi sull’analisi tipologica degli edifici cerretesi tutti inediti e infine vi è allegato un cd, in cui sono riportati accuratissimi rilievi di alcune parti urbane.
 
Prossimo appuntamento, sabato 19 maggio alle ore 18.00 sempre, presso l’abbazia benedettina di S. Salvatore de Telesia, per la presentazione dell'Annuario 2017 a cura della Associazione storica della Valle Telesina. L’Annuario rappresenta la cartina di tornasole degli studi storici prodotti nella Valle telesina.
 
L’ Associazione è presente anche nel programma del ciclo di conferenze organizzate dalla Società operaia di Mutuo soccorso di Cerreto Sannita, con il patrocinio del Comune in occasione dei 330 anni della fondazione della città: domenica 13 maggio alle ore 18.30 presso il centro polifunzionale della Società di Mutuo Soccorso di Cerreto si terrà la conferenza a cura di Antonietta Cutillo dal titolo: "Il terremoto del 1688 e la ricostruzione di Cerreto nelle memorie di Libero Petrucci, storico ottocentesco di S. Salvatore Telesino". La Cutillo racconterà l'opera inedita di Libero Petrucci, “Storia di Telese”, ed in particolare le pagine dedicate a Cerreto, al terremoto e alla  ricostruzione.





 



Articolo di Letteratura / Commenti