Sale giochi, 5 Stelle all'attacco di Mastella. Il sindaco: "Li querelo"

18:9:3 1882 stampa questo articolo
Clemente Mastella - foto tratta da FacebookClemente Mastella - foto tratta da Facebook

Mastella risponde alle accuse mossegli dal senatore Endrizzi che gli rimproverava l’aver presenziato l’inaugurazione di una sala giochi.

“Si è prodigato nell’inaugurazione di una nuova sala slot-VLT a Benevento nel Rione Ferrovia. Proprio dove i ‘suoi’ cittadini stanno da tempo combattendo contro il degrado e quella forma di alienazione dell’umano che si chiama gioco d’azzardo”. Queste le parole di Giovanni Endrizzi, senatore del Movimento 5 Stelle che attacca Clemente Mastella, per aver partecipato all’inaugurazione di una sala giochi. Endrizzi inoltre, nel suo intervento, bollava il comportamento di Mastella come “un esempio diseducativo per i cittadini”. Accuse quelle mosse da Endrizzi che hanno riguardato anche uno dei figli dell’ex ministro.

La risposta del primo cittadino non si è fatta attendere. "In riferimento ad una nota diffamatoria diffusa nelle ultime ore dal senatore del Movimento 5 Stelle, Giovanni Endrizzi, riguardo il presunto avvio da parte di mio figlio di aziende di gioco, per le quali si afferma addirittura che sarebbe stato indagato, comunico di aver dato mandato di querelare, con ampia facoltà di prove, l'autore di questa clamorosa bugia. Per quanto riguarda, invece, l'accusa di essermi prodigato nell’inaugurazione di una nuova sala slot-VLT a Benevento, mi preme sottolineare che la nuova sede di un operatore regolarmente autorizzato dal Ministero, aperta in via Ruffilli, 29 (nei pressi dell’Ospedale Civile e non al Rione Ferrovia) offre servizi di biglietteria per le partite del Benevento calcio, concerti ed altri eventi, pagamenti di multe, bollettini postali MAV e RAV e ricariche telefoniche. Se poi all'interno dell'esercizio fanno anche altre attività questo è un problema di chi ha responsabilità a riguardo, ma se vengono rispettati i termini della legalità, non credo ci debbano essere problemi per nessuno".



Articolo di Comune di Benevento / Commenti