Caserta. Sequestrate 2,5 tonnellate di botti illegali. 19 persone denunciate dalla Finanza

Intensificati i controlli disposti dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta nell'avvicinarsi dei festeggiamenti di fine anno, al fine di contrastare la detenzione e la vendita illegale di materiale esplodente.

Nell'ambito di tali operazioni le Fiamme Gialle della Compagnia di Caserta hanno sequestrato oltre 2,5 tonnellate di artificio pirotecnici. “Botti” illegali artigianali, pronti per essere smerciati anche se privi di qualsiasi dispositivo di sicurezza, nonché oltre 300 kg di polvere da sparo prodotta artigianalmente, che sarebbe stata utilizzata per il confezionamento di ulteriori “botti” illegali.

La parte più consistente è stata scoperta in una fabbrica a Villa Literno, interamente sottoposta a sequestro, poiché al suo interno venivano confezionati artifici pirotecnici illegali utilizzando polvere da sparo fabbricata artigianalmente utilizzando una “molazza”, macchinario con macine in pietra impiegato soprattutto nell’edilizia.

Le Fiamme Gialle, inoltre, hanno rinvenuto a Mignano Montelungo, durante un normale controllo di polizia, una autovettura che trasportava un grosso quantitativo di fuochi d’artificio e “bombe” artigianali nascoste all’interno del portabagagli. Una vera e propria “Santa Barbara” considerato che l’auto conteneva complessivamente 296 manufatti esplosivi. Tutto il materiale deflagrante era già collegato in serie e posizionato nei mortai di accensione e in caso di innesco accidentale, causato da un possibile sinistro stradale, avrebbe provocato notevoli danni nelle zone
circostanti.

Nel corso delle operazioni di polizia giudiziaria non è stata reperita alcuna documentazione comprovante il lecito acquisto di fuochi pirotecnici ed è stata invece accertata la produzione abusiva delle c.d. “bombe”. I due trasportatori e l’autovettura utilizzata per il trasporto sono stati sottoposti a sequestro.

All’interno di un’ulteriore polveriera abusiva, sono stati rinvenuti, inoltre, circa 550 kg di artifici pirotecnici denominati “Cobra” (che sarebbero equivalenti alle più note “Cipolle”, tristemente note alla cronaca per i danni causati agli incauti utilizzatori), prodotti in maniera artigianale e senza adottare alcuna cautela per la sicurezza nel loro utilizzo.

Le attività di servizio hanno condotto complessivamente alla denuncia di 19 persone alla competente Autorità Giudiziaria, per detenzione e commercio abusivo di prodotti esplodenti nonché per fabbricazione abusiva di materiale esplosivo.

Le attività condotte dai militari in forza al Comando Provinciale di Caserta, sottolineano la costante attenzione posta dal Corpo al fenomeno della vendita clandestina dei “botti di Capodanno” che, nel periodo delle festività natalizie, sembra non conoscere crisi. 


9:33:54 5144 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa