Alluvione Emilia-Romagna, von der Leyen a Forlì tra le proteste. Meloni: Pnrr per la ricostruzione

9:1:11 4065 stampa questo articolo
Ursula von der Leyen e Giorgia MeloniUrsula von der Leyen e Giorgia Meloni

Europa pronta ad aiutare l'Emilia-Romagna, ma i tempi della ricostruzione sono lunghi. Ursula von der Leyen accolta dalle proteste dei cittadini che denunciano la lentezza della ricostruzione. 

La presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, è tornata in Emilia-Romagna per discutere di ulteriori aiuti economici per la ricostruzione e la prevenzione del territorio. La visita è avvenuta a Forlì, una delle città più colpite dall'alluvione che ha devastato la regione nel maggio del 2023.

L'alluvione ha causato danni ingenti, stimati in oltre 10 miliardi di euro. Oltre 36.000 persone sono state costrette ad evacuare le proprie abitazioni e decine di migliaia di ettari di terreno agricolo sono stati danneggiati.

La von der Leyen ha assicurato che la Commissione europea è pronta a fornire ulteriori aiuti alla Regione. In particolare, sono stati destinati 1,2 miliardi di euro del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) e oltre 600 milioni di euro dal Fondo di sviluppo e coesione.

La visita della von der Leyen è stata però contestata da alcuni manifestanti, che hanno criticato la lentezza delle procedure di ricostruzione e la mancanza di un piano di prevenzione adeguato. Tra i manifestanti anche la leader di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni, che ha chiesto di utilizzare i fondi del Pnrr per la ricostruzione immediata delle zone colpite.

"I fondi del Pnrr devono essere utilizzati subito per la ricostruzione delle zone colpite dall'alluvione", ha detto Meloni. "Non possiamo aspettare anni per rimettere in piedi le nostre città e le nostre imprese".



Articolo di Cronaca / Commenti