Divieto di avvicinarsi all'ex amico che stalkerava

16:24:2 1385 stampa questo articolo
ViolenzaViolenza

Nel pomeriggio di ieri i Carabinieri di Castel Baronia, della Compagnia di Ariano Irpino, hanno dato esecuzione alla misura cautelare del divieto di avvicinamento nei confronti di uno stalker.

All'uomo, un 35enne di Castel Baronia, è stato imposto il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa. La misura cautelare è stata emessa dal GIP del Tribunale di Benevento, visti i gravi indizi di colpevolezza in ordine al delitto di stalking, perpetrato con reiterate minacce, ingiurie ed aggressioni fisiche nei confronti di un suo ex amico, ritenuto responsabile della fine della sua relazione sentimentale con una donna del beneventano.

L’attività investigativa ha avuto origine dalla denuncia presentata dalla vittima, che è stata riscontrata sia attraverso prove documentali, sia attraverso l’assunzione di sommarie informazioni da persone informate sui fatti. L’ultimo episodio violento si è verificato dopo che all’indagato era stato notificato l’avviso della conclusione delle indagini preliminari per il delitto di stalking; in tale episodio, l’indagato ha aggredito la persona offesa con pugni al capo, provocandole lesioni personali.

Gli atti persecutori, consistiti nell’invio di numerosi messaggi minatori ed offensivi, nell’appostamento reiterato nei pressi dell’abitazione della vittima, nel tentativo di forzare la porta d’ingresso dell’abitazione della stessa, nonché in due episodi di aggressione fisica con lesioni, hanno cagionato alla persona offesa un perdurante e grave stato di ansia.

A seguito dell’ultimo episodio di aggressione fisica, indice del periodo di reiterazione delle condotte delittuose, il Pubblico Ministero presso la Procura della Repubblica di Benevento ha richiesto l’emissione di una misura cautelare nei confronti dell’indagato, che è stato raggiunto dal provvedimento cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi abitualmente frequentati dalla persona offesa.



Articolo di Cronaca Giudiziaria / Commenti