"Il tempo fa il suo mestiere". Il ricordo della Shoah ripercorrendo la vita degli Eisenberg

17:51:21 855 stampa questo articolo
Mariastella Eisenberg (a sinistra) autrice del romanzo, Il tempo fa il suo mestiereMariastella Eisenberg (a sinistra) autrice del romanzo, Il tempo fa il suo mestiere

Appuntamento a San Salvatore Telesino presso la Pinacoteca Massimo Rao, con la presenza dell’autrice.

In occasione della Giornata della Memoria, venerdì 25 gennaio 2019 alle ore 17.30 a San Salvatore Telesino l’Associazione Massimo Rao, all’interno della Pinacoteca dedicata al noto artista, ha promosso la presentazione del libro di Mariastella Eisenberg “Il tempo fa il suo mestiere” (Edizioni Spartaco, 2016).

L’autrice, è figlia di un medico ebreo rumeno di etnia tedesca, laureato a Montpellier e riparato in Italia a causa delle leggi razziali e di una giovane pianista napoletana. Nel romanzo, che ripercorre oltre una secolo della vita della famiglia Eisenberg, è possibile ripercorre le tappe del dramma della Shoah. Gli avvenimenti e le ferite, la ritualità ed i rancori, i silenzi ed i luoghi, violentati dall’odio nazista. Un racconto che si confonde quella che è la vita reale, un racconto che deve fare i conti con il tempo. Anzi, il ruolo del tempo nella dimensione dell’esistenza.

Il tempo compare all’interno di tutto il romanzo ed invita il lettore a continue riflessioni sul senso della vita, ad agire, a trovare risposte, per non restare con un pugno di mosche in mano. Una storia di donne, che muove i suoi primi passi a Jassi in Moldavia, passa da Napoli e si conclude a Gerusalemme: dove termina quel cammino di ricerca di identità e rinascita.

A discuterne con l’autrice: Amerigo Ciervo, docente di storia e filosofia e presidente provinciale dell’ANPI; Patrizia Bove, presidente dell’Associazione Massimo Rao. Prevista, inoltre, la collaborazione e la presenza degli studenti dell’Istituto Telesi@ di Telese Terme mentre gli intermezzi musicali saranno a cura del giovanissimo pianista Armando Vitale. A moderare l’incontro, il giornalista Michele Palmieri. 



Articolo di Incontri e convegni / Commenti