Lavoro: trend occupazione in crescita a marzo 2024

11:58:48 2446 stampa questo articolo
Operaio al lavoroOperaio al lavoro

I dati provvisori mostrano un aumento degli occupati e diminuzione dei disoccupati. Ma il trend resta debole e non strutturale.

Nel mese di marzo 2024, il mercato del lavoro italiano ha registrato una serie di variazioni positive, secondo i dati provvisori pubblicati dall'Istituto Nazionale di Statistica (ISTAT). L'analisi mensile evidenzia un aumento degli occupati e degli inattivi, mentre si osserva una diminuzione dei disoccupati.

L'occupazione ha registrato una crescita dello 0,3%, corrispondente a un aumento di 70 mila unità, coinvolgendo uomini e donne, sia dipendenti che autonomi, e tutte le fasce d'età, ad eccezione dei 35-49enni che hanno segnato un calo. Questo incremento ha portato il tasso di occupazione al 62,1%, con un aumento di 0,2 punti percentuali.

Contemporaneamente, il numero di persone in cerca di lavoro è diminuito del 2,8%, pari a una riduzione di 53 mila unità, interessando entrambi i generi e tutte le fasce d'età tranne i 35-49enni. Di conseguenza, il tasso di disoccupazione totale è sceso al 7,2%, con un calo di 0,2 punti percentuali, mentre quello giovanile è sceso al 20,1%, con una diminuzione di 2,3 punti percentuali.

L'aumento del numero di inattivi, dello 0,1%, pari a 12 mila unità, è stato osservato solo tra gli uomini e i sotto i 50 anni; tra coloro che hanno almeno 50 anni, invece, l'inattività è diminuita. Il tasso di inattività si è mantenuto stabile al 33,0%.

Analizzando il primo trimestre del 2024 rispetto al quarto trimestre del 2023, si è registrato un aumento del livello di occupazione dello 0,2%, con un totale di 56 mila occupati in più. Questa crescita dell'occupazione è stata accompagnata da una diminuzione delle persone in cerca di lavoro (-2,1%, pari a -40 mila unità) e da un aumento degli inattivi (+0,3%, pari a +40 mila unità).

Rispetto a marzo 2023, il numero di occupati a marzo 2024 è aumentato dell'1,8%, con un totale di 425 mila unità in più. Questo incremento ha coinvolto uomini, donne e tutte le fasce d'età, ad eccezione dei 35-49enni, il cui tasso di occupazione è comunque salito di 0,6 punti percentuali a causa di dinamiche demografiche.

L'aumento dell'occupazione a marzo 2024 è stato trainato sia dagli incrementi dei dipendenti, che hanno raggiunto 18 milioni e 793 mila unità, sia dagli autonomi, pari a 5 milioni e 56 mila. Complessivamente, il numero di occupati, 23 milioni e 849 mila, è cresciuto di 425 mila unità rispetto a marzo 2023, principalmente grazie all'incremento dei dipendenti permanenti e degli autonomi. Questi dati positivi si riflettono anche nei tassi di occupazione e disoccupazione, mentre il tasso di inattività rimane stabile.



Articolo di Lavoro / Commenti