Prestito chirografario: cos'e' e chi lo offre

10:11:3 4395 stampa questo articolo
PrestitiPrestiti

Cos'è un prestito chirografario? Quali tipologie esistono? Quali sono quelli più diffusi? Ecco tutte le risposte che permettono di conoscere una forma di prestito poco nota.

Cos'è un prestito chirografario? Per poter rispondere a questa domanda nel modo più esaustivo possibile ci siamo serviti della guida redatta dagli esperti del comparatore on line SuperMoney, l'unico riconosciuto dall'AGCOM per la validità delle sue comparazioni tariffarie; in questa guida viene presentata questa tipologia di prestito che è sicuramente una delle meno note.

Prestito chirografario: la definizione
Cosa vuol dire prestito chirografario? La parola "chirografario" deriva dai termini greci “cheir+graphé”, e significa “scritto a mano”, in maniera più estesa può essere tradotto con “firmato”, così da far comprendere immediatamente la sua caratteristica principale.
Il prestito chirografario non è altro che un prestito in cui l'Istituto di Credito erogatore del prestito chiede la sola firma del richiedente come garanzia e quindi non è necessaria la presenza di un garante.

Prestito chirografario: di quali tipologie di prestito parliamo?
Quando parliamo di prestito chirografario ci stiamo riferendo alle più classiche tipologie di prestito dove le banche, per cui è richiesta solo la firma del cliente come garanzia: il prestito personale, ad esempio, è un prestito chirografario, perché non richiede un garante del finanziamento. Sono prestiti chirografari anche la cessione del quinto di stipendio o pensione, o il prestito per il fotovoltaico, tra gli altri.

Precisiamo una cosa: il fatto che questa tipologia di prestito richieda solo la firma del cliente dell'Istituto di Credito come garanzia, non significa che tutti possono beneficiare del finanziamento. Per ottenere un prestito chirografario bisognerà comunque dimostrare una "solidità" finanziaria pregressa e uno storico che dimostri di non essere protestati o cattivi pagatori: sicuramente, specialmente in questa situazioni, la banca a cui si richiede il prestito valuterà la storia creditizia del potenziale cliente verificando nel registro delle informazioni creditizie (CRIF) che non sia segnalato negativamente per mutui o finanziamenti non onorati correttamente (rate saltate, ritardo nei pagamenti, ecc...).

I prestiti chirografari si articolano in tre opzioni:

  • l’opzione Classica, che permette di ottenere un finanziamento a tassi d'interesse fissi o variabili
  • l'opzione con Ammortamento Differito, che permette di posticipare il rimborso della prima rata
  • l'opzione con Rata Pesante che permette di rimborsare una parte del prestito in rate mensili e il restante importo attraverso il pagamento di un'unica rata definita appunto Pesante.


Prestito chirografario: quali istituti di credito lo erogano?
Tra gli Istituti di Credito che erogano prestiti chirografari, le offerte più comuni per privati e imprese sono quella di Monte dei Paschi, che offre il Credito Artigiano e finanziamenti a medio e lungo termine, quella di Intesa Sanpaolo pensata per le Piccole e Medie Imprese e quelle di Unicredit e Barclays, sempre rivolte ad artigiani e a piccole imprese.



Articolo di Guide al Risparmio / Commenti