Che cos'è una ventola del radiatore e perché ne ho bisogno?

14:58:41 7959 stampa questo articolo
Auto d'epocaAuto d'epoca

È molto probabile che, nonostante l'uso che ne avrai fatto, non ti sarai mai fermato a pensare a come funziona il radiatore della tua auto. E tanto meno avrai notato che c'è una parte fondamentale, che sarebbe la stessa ventola del radiatore, che svolge una funzione essenziale per garantire il suo funzionamento.

Quest'ultimo, infatti, è quello che si occupa sia di espellere che di aspirare l'aria attraverso il radiatore per mantenerlo freddo. Nella maggior parte delle auto che troviamo ad oggi, possiamo vedere che quello che hanno è un ventilatore elettrico che serve a questo scopo.

Che tipi di radiatori ci sono?

Possiamo differenziare fino a cinque tipi diversi di radiatori di auto:

Trasmissione diretta o convenzionale

Questo tipo di ventilatore è montato su un asse a cui è fissata una puleggia mossa da una cinghia trapezoidale. Il suo movimento inizia dall'estremità anteriore dell'asse motore. Questo tipo di assemblaggio è attualmente riservato ad alcuni motori di macchinari pesanti.

Con azionamento elettrico o ventilatori elettrici

Questi tipi di ventilatori sono in realtà i più utilizzati nelle auto. Hanno un motore elettrico a corrente continua che è responsabile del movimento della ventola.

Nonostante si parli di una sola ventola a una velocità, possiamo trovare anche radiatori con due ventole uguali o una sola ventola con velocità diverse.

Con regolazione termostatica o giunto viscoso

Queste tipologie di ventole sono molto interessanti perché sono accoppiate o disaccoppiate a seconda delle esigenze di raffreddamento del motore. Pertanto, quando la temperatura del motore è bassa, la ventola gira a bassi giri. Quando invece le temperature sono elevate, la ventola girerà alla massima velocità.


Immagine del ventilatore tratta da pezzidiricambio24.it

Con accoppiamento elettromagnetico

Questi tipi di ventole sono azionate dall'asse che muove la pompa del liquido di raffreddamento e la unisce attraverso la frizione elettromagnetica quando il liquido di raffreddamento raggiunge circa 85ºC.

Possiamo dire che la costituzione della frizione elettromagnetica è simile a quella del compressore del climatizzatore.

Con trasmissione idrostatica

Come indica il nome, questo tipo di ventilatore utilizza la stessa energia generata dal motore per funzionare.

Perché la ventola del radiatore smette di funzionare?

Sebbene sia sempre una buona idea lasciare che un professionista dia un'occhiata, possiamo dire che, come regola generale, ci sono quattro motivi principali per cui la ventola del radiatore smette di funzionare.

Se vogliamo dare un'occhiata, possiamo tenere a mente i fusibili della ventola, il cavo della ventola, il sensore di temperatura e infine il motore della ventola. Di solito sono semplici riparazioni, ma si devi trovare l’origine del problema.

Qual è il modo corretto per sostituire la ventola del radiatore?

Se abbiamo verificato che quanto sopra non risolve il problema, dovremo cambiare la ventola del radiatore. Per questo devi solo seguire i seguenti passaggi:
1. Aprire il cofano e individuare il radiatore, sempre a motore spento e freddo.
2. Scollegare il cavo negativo della batteria e le connessioni elettriche della ventola di raffreddamento.
3. Svitare il montaggio e rimuovere il gruppo ventola.
4. Installare la nuova ventola di raffreddamento.
5. Il cavo negativo della batteria viene ricollegato e il veicolo viene avviato per verificare il corretto funzionamento a motore caldo.



Articolo di Motori / Commenti