Salerno. 11 arresti dei Carabinieri per spaccio di stupefacenti e rapina a mano armata

Questa mattina, i militari della Compagnia Carabinieri di Mercato San Severino, ha eseguito 11 ordinanze cautelari personali (6 in carcere, 3 ai domiciliari e 2 obbligo presentazione alla p. g. ) emesse dal GIP su richiesta della Procura della Repubblica.

Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti del tipo eroina, crack, cocaina, hashish e marjuana; rapina a mano armata, lesioni ed evasione dagli arresti domiciliari” commessi in Castel San Giorgio, Nocera Inferiore, Nocera Superiore e Salerno.Le indagini, condotte dal NORM della Compagnia di Mercato San Severino hanno consentito di disarticolare un importante, ben congegnato e radicato meccanismo criminale attivo in Castel San Giorgio, Nocera Inferiore, Nocera Superiore e Salerno e dedito allo smercio di droga. 

L'operazione dei Carabinieri è stata condotta nei comuni di Castel San Giorgio (SA), Salerno, Nocera Superiore e Cava de Tirreni (SA). Le attività investigative hanno inoltre consentito di scoprire gli autori di una rapina a mano armata consumata ai danni di un supermercato di Nocera Superiore, nel corso della quale i due rapinatori non esitarono a colpire più volte il cassiere con il calcio della pistola per obbligarlo ad aprire le cassaforte contenente 15 mila euro.

Le misure cautelari odierne si aggiungono all’arresto in flagranza effettuato nei confronti di n.6 spacciatori sorpresi nell’atto di cedere sostanza stupefacente nonché al sequestro di 350 sostanza grammi di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, crack, eroina, hashish e marjuana.

L’A.G. ha inoltre disposto il sequestro preventivo di due immobili in uso ad uno degli arrestati ed utilizzasti come base operativa dell’attività criminosa.


13:4:12 11217 stampa questo articolo


  • Meteo. Le previsioni meteorologiche di oggi 25 aprile
  • Via Crucis per pace in Ucraina. Polemiche per la scelta di Papa Francesco
  • Agricoltura. Perché la guerra in Ucraina ha gravi conseguenze sulla produzione agricola mondiale
  • Venezia. Ad "Homo Faber" in mostra i mestieri e le creazioni dell'artigianato
  • Verona. Si conclude "Vinitaly", tornata in presenza: numeri da record per il vino italiano
  • Giornata internazionale dei Baci
  • Dove si butta? Dallo scontrino al cartone della pizza: 5 errori da evitare
  • Napoli. Cosa resta del Parco dello sport di Bagnoli costato 37 milioni: rovi, ruderi e rifiuti
  • Sorpresa amara, le uova di cioccolato Kinder ritirate in Europa. Salvo il mercato italiano
  • Guerra in Ucraina. Da Kiev a Roma: la storia di Alisa, talento della danza classica
  • Internet. Cos'è un attacco informatico?
  • Come spiegare la guerra ai bambini
  • Ucraina. Nuova condanna del Papa della guerra 'bestiale e sacrilega'
  • La primavera è la stagione più felice: è scientificamente provato
  • Guerra in Ucraina. Bambini ucraini accolti a scuola nel napoletano
  • Roma. Pene ridotte agli assassini del carabiniere Cerciello Rega
  • Roma. Evasione fiscale e riciclaggio: confiscati 120 immobili a un imprenditore della logistica
  • Guerra in Ucraina. Gran parte dei leader dell'Unione europea hanno incontrato Zelensky
  • Bologna. Poliziotto salva un uomo che rischia di essere travolto dal treno nella Stazione centrale
  • Crisi energetica. Draghi: "Stanziati 16 miliardi e ridotto l'Iva al 5% sul consumo del gas"
  • Jury Chechi contro Kuliak: "La Z sul petto gesto incommentabile. Aiuterò le persone a lasciare l'Ucraina"
  • 8 marzo Giornata Internazionale della donna
  • Bellezza. I miti sulla doppia detersione a cui smettere di credere
  • 8 marzo. Intervista a Maria Rosaria Renzi, figlia dell'inventore della torta Mimosa