"La Città Europea del Vino nella terra natale della Falanghina", il programma del convegno a Sant'Agata de' Goti

17:4:12 2200 stampa questo articolo
Passaggio del testimone tra Portogallo e Italia per la Citta' Europea del Vino a Sannio FalanghinaPassaggio del testimone tra Portogallo e Italia per la Citta' Europea del Vino a Sannio Falanghina

Dalla tradizione ellenica alla terra madre della Falanghina. Il Simposio, antichissima tradizione conviviale greca e romana, è inscindibilmente legato al prezioso nettare degli dei, il vino: protagonista assoluto ed elemento essenziale, ieri come oggi, di una identità culturale profonda.

Nell’anno di Sannio Falanghina Città Europea del Vino 2019, il GAL Taburno sceglie Sant’Agata de’Goti - li dove nel 1979 il compianto Ing. Mustilli produsse la prima bottiglia al mondo della rinomata tipologia di vino - quale sede del convegno intitolato, appunto “La Città Europea del Vino nella terra natale della Falanghina” nell’ambito del più ampio programma “Storie di Falanghina” patrocinato da MIPAAF e Regione Campania e finanziato con i fondi del PSR Campania 2014-2020- FEASR misura 1.9 intervento 19.4.1.

Mercoledì 31 luglio, nell' incantevole cornice di Palazzo San Francesco, esperti e rappresentanti istituzionali si confronteranno sul tema. Alle 17:00, in aula consiliare, con il saluto del Sindaco della Città di Sant’Agata de’ Goti Giovannina Piccoli e l’introduzione del Vicesindaco nonché componente della rete RECEVIN Marco Razzano, moderati dal giornalista Sandro Tacinelli, interverranno il presidente del GAL Taburno Raffaele Amore, Paola Mustilli rappresentante della omonima storica azienda vinicola, il coordinatore regionale di Città del Vino Raffaele Ferraioli. Conclusioni affidate al Consigliere del Presidente della Regione Campania delegato per l’agricoltura On. Nicola Caputo ed all’On. Mino Mortaruolo - consigliere regionale con delega specifica del Presidente della Regione Campania a Sannio Falanghina Città Europea del Vino-.

A seguire, nel chiostro, dalle 19:00 alle 22:00 è previsto un banco d'assaggio delle migliori Falanghine sannite offerte dalle cantine a marchio “Falanghina Sannio DOC”.
Alle ore 20:00, poi, sempre in aula consiliare, evento a numero chiuso “I Volti della Falanghina” condotto da Mariagrazia de Luca e Pasquale Carlo.

Soddisfazione esprime il Presidente del GAL Taburno Raffaele Amore: “Il riconoscimento europeo per Sannio Falanghina può e deve rappresentare un punto di snodo fondamentale per il rilancio e lo sviluppo dell’intero territorio sannita. Il GAL sta mettendo in campo ogni sforzo utile, in sinergia con gli altri attori pubblici e privati, per contribuire a trasformare questa straordinaria opportunità in un moltiplicatore di visibilità per tutto il Sannio e, dunque, in un propulsore importantissimo per l’economia del comparto vitivinicolo e non solo. La Falanghina è un prodotto di grande qualità che racconta la storia di una scommessa vinta ma anche tutta la passione e la bellezza di una parte d’Italia, la nostra, da scoprire, promuovere, valorizzare. Vogliamo che la Falanghina possa diventare l’ambasciatrice del Sannio e della sua cultura in Europa e nel mondo”.



Articolo di Incontri e convegni / Commenti