Biennale d'Arte Contemporanea. Doppio riconoscimento per l'artista sannita Alessandro Rillo

12:41:2 4333 stampa questo articolo
Rillo premiato a SalernoRillo premiato a Salerno

Alessandro Rillo si aggiudica due premi alla Biennale di arte contemporanea di Salerno.

Ottimo risultato dell’artista beneventano Alessandro Rillo, che ha vinto la II edizione della Biennale di Arte Contemporanea in corso di svolgimento nella splendida cornice di Palazzo Fruscione a Salerno, nella sezione “Scultura ed Installazione”, classificandosi al primo posto dinanzi ad artisti provenienti da ogni parte del mondo.

Dinanzi ad una cornice di pubblico numeroso, a Rillo è stato anche assegnato il prestigioso Premio generale della Critica da parte della giuria tecnica, presieduta dallo storico e critico d’arte, Angelo Calabrese, il quale, nel precisare che la decisione assunta dalla giuria è stata unanime, ha inteso evidenziare l’originalità e la profondità concettuale dell’opera in concorso.

L’edizione 2016 della Biennale di Salerno, che è visitabile fino al 20 novembre, ha visto un afflusso straordinario di pubblico, anche per il momento particolare di fermento culturale che questa città sta vivendo e per l’ottima organizzazione da parte dei curatori Giuseppe Gorga ed Olga Marciano, in collaborazione con Frattura Scomposta, società milanese di comunicazione ed organizzazione di eventi.

La giuria tecnica e il comitato scientifico sono composti da personalità di spicco nel campo dell’arte e della cultura, tra i quali anche lo scrittore Diego De Silva, presente alla Cerimonia di partecipazione tenutasi sabato 22 ottobre nelle sale del complesso monumentale di Santa Sofia, nel centro storico di Salerno. Questo importante riconoscimento permetterà all’artista sannita di essere invitato alla prossima Biennale di Salerno ed anche alla Biennale di Buenos Aires, in Argentina. Davvero un grande risultato per Rillo che si appresta ad allestire una serie di mostre nel Nord Europa (Lituania e Germania), dove porterà i suoi ultimi lavori sempre improntati ad una ricerca informale e materica.



Articolo di Arti Figurative / Commenti