Cna presenta il documento programmatico da sottoporre ai candidati sindaco

17:39:10 4157 stampa questo articolo
Artigiano Artigiano

La Cna di Benevento ha presentato il documento programmatico da sottoporre al vaglio dei candidati a sindaco del capoluogo elencando alcune proposte.

“La Cna rappresenta e tutela gli interessi delle imprese con particolare riferimento al settore dell'artigianato, ma anche dei pensionati e dei cittadini, ai quali offre servizi e azioni di sostegno”. Così Antonio Catalano, presidente di Cna Benevento, nel corso della conferenza stampa durante la quale è stato presentato il documento programmatico per i candidati a sindaco della città di Benevento.

“Nel territorio sannita – continua – Cna è presente da più di 40 anni. La nostra mission è dare valore all'artigianato ed all'impresa in generale, proponendosi come partner per il loro sviluppo e promuovendo il progresso economico e sociale dei territori. L'Artigianato e la Piccola e Media Impresa rivestono un ruolo di primaria importanza nell'economia locale. In questi ultimi anni, il settore dell’artigianato e delle piccole imprese ha dovuto affrontare notevoli problematiche derivanti dalla crisi economica che ha portato alla scomparsa di interessanti realtà imprenditoriali anche nella provincia di Benevento. Fondamentale, quindi, operare per una crescita della competitività, creando un migliore contesto imprenditoriale attraverso riforme strutturali che garantiscano nuove opportunità imprenditoriali e offerte di lavoro, al fine di investimenti privati e per rafforzare la capacità delle piccole e medie imprese di investire, innovare, crescere e creare posti di lavoro”.

Insomma, l’obiettivo generale di questo documento è "quello di fornire un orientamento circa ciò che è necessario per assicurare la crescita, la prosperità e la stabilità nel settore economico sannita più importante, che è quello dell’Artigianato e delle PMI, ai decisori politici. Come organizzazione di categoria – sottolinea ancora Catalano – siamo in campo per la crescita economica e per uno sviluppo del tessuto produttivo, ci aspettiamo che però anche la politica faccia la sua parte con serietà, rigore e senso di responsabilità. La campagna elettorale deve essere lo spazio della costruzione delle soluzioni possibili. Se vogliamo inaugurare una stagione della fiducia e della corresponsabilità dobbiamo bandire la retorica vuota, le proposte di circostanza che non abbiano possibilità di realizzazione”.

“Non siamo noi ad essere in campagna elettorale – ha proseguito – noi non abbiamo il dovere delle risposte, ma quello di porre quesiti ai candidati alla carica di sindaco di Benevento affinché si mettano in campo azioni innovative di sviluppo del sistema produttivo con particolare riguardo al settore dell’artigianato. In questo documento facciamo proposte e disegniamo una visione, è un’azione di responsabilità la nostra che però presuppone un ascolto e un senso di responsabilità da parte di chi intende governare una città che merita di più. Noi rappresentiamo imprenditori, cittadini e pensionati, non ci schieriamo, non parteggiamo per l’uno o per l’altro, e non vogliamo neppure essere tirati per la giacca”.

In tale ottica la Cna di Benevento ha avviato delle iniziative che possono già rappresentare delle linee guida. Progetto Villaggio delle Arti e dei Mestieri. “L’ obiettivo è costituire ed avviare un Villaggio delle Arti e dei Mestieri nel Paese natale di San Pio, Pietrelcina, al fine di recuperare e valorizzare l’artigianato artistico e tradizionale nonché favorire la trasmissione alle nuove generazioni dei mestieri tradizionali. Il Villaggio vedrà l’allestimento di un centro strutturato e attrezzato e la creazione di una serie di botteghe artigianali diffuse sul territorio che possano diventare delle vere e proprie palestre sia per formare nuove generazioni che per offrire ulteriori servizi ai turisti”.

Progetto Reggia di Caserta, che vede la Cna come “promotrice di azioni di co-marketing fra i siti Unesco (Reggia di Caserta e Chiesa di Santa Sofia) e la realizzazione di esposizioni temporanee o permanenti delle produzioni artistiche, con istallazioni stabili di artigiani che mostrano la loro arte, creatività e manualità”.

La rivalutazione dell’artigianato sannita e la creazione del distretto della creatività. “L’artigianato ha da sempre rappresentato per la città di Benevento e per il suo hinterland il suo valore identitario: esso costituisce un ‘pezzo’ della storia della città ed è un esempio di quel ‘modello Benevento’ che ne ha fatto, negli anni la sua fortuna economica e sociale. Come tale, è sentito dai beneventani come un elemento di cui conservare traccia e ancora oggi da valorizzare”.

Prevista dunque anche “un’area: quella delle botteghe in cui erano dislocate le principali imprese artigiane della città. Tale zona, quella che riguarda tutta la zona centrale fino a giungere al Triggio ha ancora un’alta valenza economica e imprenditoriale: visto a posteriori, e con un’ottica moderna, tale struttura economica ha costituito un fondamentale aiuto a quello che oggi si definirebbe come start-up di nuove imprese”.

Sono queste dunque alcune delle proposte contenute nel documento programmatico elaborato da Cna. Il 30 maggio prossimo, verrà reso pubblico il contributo ricevuto dai candidati alla carica di sindaco di Benevento. 



Articolo di Artigianato / Commenti