E’ attivo presso la Caritas il Centro di Ascolto Donna

16:18:25 3806 stampa questo articolo
Don Nicola De Blasio. (Foto di Luigi Mastromarino)Don Nicola De Blasio. (Foto di Luigi Mastromarino)

Giovedì 5 settembre alle 15 presso la sede della Caritas Diocesana di Benevento hanno preso avvio le attività del Centro Ascolto Donna “Felicia Bartolotta Impastato”. L’iniziativa, promossa dalla Caritas Diocesana e da un gruppo di professioniste che operano nell’ambito della relazione di aiuto e della legalità, nasce da un’analisi del territorio dalla quale è emersa l’esistenza di un fenomeno sempre più dilagante e preoccupante: la violenza sulle donne. Un fenomeno denunciato alla Caritas da molti parroci della Diocesi, nella loro veste di “antenne territoriali” più prossime alla gente. Lo Sportello Ascolto Donna nasce con l’intento di promuovere nuovi “spazi” al fine di evitare che la richiesta di aiuto espressa dalla donna cada o non trovi risposte adeguate. Lo sportello vuole essere un luogo preposto all’accoglienza e alla solidarietà, in cui poter sperimentare, attraverso la relazione con altre donne, che uscire dalla violenza è possibile. “Il nostro –ha spiegato don Nicola De Blasio, direttore Caritas Diocesana - vuole essere non solo un luogo di servizio e di accoglienza, ma anche un centro di produzione e comunicazione culturale, per valorizzare l’attenzione alle politiche di genere all’interno del servizio pastorale rivolto alle fasce deboli”. Oltre allo sportello, aperto tutti i tutti i giovedì pomeriggio dalle 15 alle 18, è attivo nello stesso giorno il Telefono Rosa della Caritas (0824-323307) e presto attiveremo un servizio di reperibilità, con la possibilità di poter segnalare un proprio disagio anche via sms. Inizieremo ad accogliere segnalazioni e richieste di aiuto, fornire le prime informazioni ed rilevare i bisogni. Le professioniste sono tutte donne che hanno deciso di impegnare il proprio tempo volontario a difesa di altre donne, esperte nell’area legale e socio psicopedagogica. Le operatrici dello sportello avranno il supporto e la supervisione del gruppo di ricerca del programma europeo Daphne che ha affrontato le problematiche dell’abuso sessuale verso donne in situazioni di dipendenza patologica.



Articolo di Disagio sociale / Commenti