Il ritorno dei conti deposito: un rifugio per i risparmi degli italiani

12:3:19 1967 stampa questo articolo
RisparmioRisparmio

4,5 milioni di italiani hanno optato per questa soluzione nel corso dell'ultimo anno, attratti dai rendimenti e dall'aumento dell'inflazione.

Negli ultimi dodici mesi, un numero considerevole di italiani ha scelto di affidare i propri risparmi a un conto deposito, rispondendo così all'erosione provocata dall'inflazione e alla ricerca di rendimenti più elevati. Secondo un'indagine commissionata da Facile.it e condotta dagli istituti mUp Research e Norstat, 4 milioni e mezzo di italiani hanno optato per questa soluzione nel corso dell'ultimo anno. Questo crescente interesse è ulteriormente evidenziato dall'aumento del 169% nelle ricerche online di tali prodotti nel 2023, rispetto all'anno precedente.

I conti deposito, considerati veri e propri strumenti di investimento, offrono rendimenti competitivi sulle somme depositate, come spiegano gli esperti di Facile.it. È importante notare, però, che le funzionalità operative di questi conti sono più limitate rispetto ai conti correnti tradizionali.

Un'analisi dettagliata rivela che l'interesse per i conti deposito è particolarmente marcato in determinate fasce d'età. Ad esempio, la percentuale di apertura di questi conti è del 10,7% a livello nazionale, ma sale al 14,6% tra coloro che hanno tra i 35 e i 44 anni, e addirittura al 16,4% tra coloro che hanno tra i 25 e i 34 anni.

La maggior parte degli italiani ha preferito aprire i conti deposito online (60%), seguiti da coloro che si sono recati in filiale (32,5%). Solo una piccola percentuale ha optato per l'apertura tramite agente o mediatore fisico (7,5%). Inoltre, quasi il 70% dei conti è stato attivato presso istituti di credito con cui i clienti avevano già un rapporto.

Espandendo l'analisi a tutti i titolari di conti deposito, non solo coloro che li hanno aperti nell'ultimo anno, emerge che più di 14 milioni di italiani ne sono intestatari, di cui oltre 1,7 milioni possiedono più di un conto. La regione del Nord Ovest è quella in cui la percentuale di titolari di conti deposito è più alta (41,5% rispetto al 34% a livello nazionale), mentre tra le fasce d'età sono soprattutto i giovani tra i 25 e i 34 anni ad utilizzare questo prodotto finanziario (45,5%).

Il rinnovato interesse per i conti deposito è attribuibile soprattutto ai tassi di rendimento competitivi offerti. Per esempio, i conti deposito vincolati possono offrire rendimenti lordi fino al 4,75% con vincoli a 60 mesi, mentre i conti non vincolati possono raggiungere tassi di interesse fino al 5% per tutte e tre le scadenze (12, 36 e 60 mesi).

Gli esperti di Facile.it sottolineano che l'aumento dei tassi di interesse decisi dalla Banca Centrale Europea ha reso i conti deposito molto più allettanti rispetto al passato. Tuttavia, avvertono che queste opportunità potrebbero essere limitate se la BCE decidesse di ridurre i tassi nei prossimi mesi.



Articolo di Finanza e Credito / Commenti