Guardia Sanframondi. Al Municipio la mostra su Paolo De Matteis, Pietro Bardellino e Francesco Narici

16:41:17 9838 stampa questo articolo

I secoli XVII e XVIII sono per Guardia Sanframondi momenti di cambiamenti economici, sociali e soprattutto culturali. La cittadina sannita già col dominio dei Carafa ha intensificato i suoi rapporti col Regno di Napoli, centro propulsore di fermenti nuovi che andavano sviluppandosi in ogni ambito del sapere, e proprio attraverso la città partenopea, i guardiesi iniziano a respirare aria nuova, quella della cultura contemporanea che si diffonde in tutta Europa. Tale prosperità e ricchezza culturale portano a uno sviluppo del piccolo centro dell’entroterra campano e alla fioritura di diversi elementi simbolo del cambiamento: sono questi, infatti, gli anni in cui vengono avviate diverse fabbriche, tutte realizzate con spesa immensa e affidate a prestigiosi artisti dell’epoca.
A conferma di tanta ricchezza è l’opera che Paolo De Matteis compie non per una ma per tre chiese guardiesi, affiancato da eccellenti pittori, scultori e intagliatori che contribuiscono a rendere le fabbriche di Guardia esemplari cimeli del Barocco campano. La prima chiesa ad essere rimodernata secondo i nuovi gusti dell’epoca è l’Ave GratiaPlena. Arricchita da uno splendido soffitto intarsiato e dorato e da preziosi altari marmorei, viene completata da opere di Pietro Bardellino, Francesco Narici e Paolo De Matteis che, nel 1793, dipinge la pala dell’Annunciazione per l’altare centrale.
Nei primi anni del Settecento, la Corporazione dei conciatori di pelle affida al De Matteis l’incarico di affrescare la chiesa dedicata al proprio santo: San Sebastiano. Nella chiesa, il pittore lavora a stretto contatto con un altro artista dell’epoca, Domenico Antonio Vaccaro e realizza un lavoro che simboleggia la ricchezza culturale dei propri committenti: l’artista impreziosisce la volta con immagini del Santo protettore dei conciatori e decora il resto della chiesa con un ciclo di affreschi aventi come tema centrale l’Assunzione della Vergine, venerata con ardore privilegiato da tutti i guardiesi. Alla Chiesa apparteneva anche un altro tesoro, ormai perduto, un busto in argento realizzato da Gaetano Starace, probabilmente affiancato dallo stesso De Matteis; si tratta di uno dei pochi lavori scultorei che si conoscano dell’artista.
Tra il 1711 e il 1712 un’ulteriore commissione gli venne fatta dagli amministratori dell’Ave GratiaPlena per l’ottagonale chiesa di San Rocco, ricostruita pendant: il Riposo dalla Fuga in Egitto e S. Gennaro tra S. Filippo Neri e San Bonaventura da Bagnoregio. Completa la decorazione uno dei suoi massimi capolavori, simbolo di una ricerca artistica portata all’apice del compimento: il Trionfo di S. Rocco, una maestosa pala, posta sull’altare centrale della chiesa, riconosciuta come autentico capolavoro del Maestro in terra guardiese.
La presentazione dei lavori di Paolo De Matteis, Pietro Bardellino e Francesco Narici nelle sale espositive del palazzo municipale di Guardia, nasce dall’esigenza di garantirne la conservazione nella fase di restauro delle chiese di provenienza. La movimentazione delle opere ha consentito una temporanea musealizzazione secondo criteri organici e logisticamente corretti, favorendo una lettura ravvicinata dei dipinti e di tutti i dettagli che la collocazione nelle sede originaria rende, il più delle volte, difficilmente percepibili. L’evento fornisce ancora l’opportunità di procedere all’approfondimento e all’analisi delle opere sul piano storicoartistico e stilistico e consente di inquadrarle nel loro contesto culturale e sociale, sicuramente più ricco e complesso di quanto si riteneva.
La mostra su Paolo De Matteis con Pietro Bardellino e Francesco Narici è a cura di Ferdinando Creta, Coordinamento Antonio Iuliani e Gabriele Sebastianelli, Collaborazione Dina Campopiano, Pina Rubbo, Paola Viola, Coordinamento editoriale Carlo Di Lonardo, Schede di Catalogo Nicola Ciarlo e Serena Lucia Foschini, Grafica ed impaginazione Daniele Morone, Allestimento Impresa Sgueglia. L’amministrazione comunale di Guardia Sanframondi ringrazia il Parroco Filippo Di Lonardo, il Soprintendente Salvatore Buonomo, Giovanni Parente e quanti hanno collaborato alla realizzazione della mostra e del catalogo.



Articolo di Arti Figurative / Commenti