PDL dilaniato, Orlando ai 5 critici interni: Sono rissosi e invidiosi per il senso d’inferiorità represso

12:49:15 2302 stampa questo articolo

Dopo le reazioni del sottosegretario del Pdl Pasquale Viespoli e del cooordinatore cittadino del partito Nicola Boccalone giunge ora la sferzante e durissima risposta di Nazzareno Orlando ai cinque dirigenti del partito berlusconiano (Roberto Capezzone, Luigi Bocchino, Costanzo Di Pietro, Antonio Reale e Vincenzo Lauro) che venerdì scorso hanno criticato le iniziative e gli atteggiamenti della contrapposta area interna viespoliana.

Orlando tra i cinque riserva qualche critica in più per Luigi Bocchino che lo aveva chiamato direttamente in causa per un’iniziativa congiunta tra le associazioni Futuridea, guidata dall’ex esponente del Pd, Carmine Nardone, e ‘Parliamone’ di cui è significativo esponente lo stesso Orlando. Non è mancato anche un affondo per Roberto Capezzone che aveva criticato l’idea di costituire un’Agenzia unica per lo sviluppo.

“Siamo a un bivio – ha affermato Orlando -. Credo proprio che per tutti noi che da anni ci occupiamo di politica sia arrivato il momento delle riflessioni e delle inevitabili scelte. In premessa una breve, ma necessaria risposta a chi ha pensato bene di citarmi nel corso di una conferenza stampa malinconica e desolante con lo stile proprio di chi sa farlo solo in assenza del soggetto da attaccare e/o criticare. Questo personaggio, ancora in cerca d'autore, merita solo la mia sorniona ilarità e la più totale indifferenza e credo che questo atteggiamento sia già fin troppo gratificante.

Il problema vero, invece, resta quello di comprendere fino in fondo cosa è diventata la politica e come essa può ancore svolgere l'importante ruolo che la storia le ha affidato. Ecco il perchè delle domande cui accennavo in precedenza. Bisognerà infatti capire,con una certa rapidità, se fare politica è ancora un compito da svolgere con efficienza, efficacia, impegno e umiltà o lo si vuol trasformare esclusivamente in becera rissa pregna solo di invidie e sensi di inferiorità repressi.

Bisognerà che ci si interroghi sul ruolo che gli interpreti della politica devono svolgere e se tale ruolo resta ancora di garanzia per i cittadini che essi rappresentano o rappresenta solo un’inqualificabile ed egoistica autoreferente necessità. Farebbe bene a molti perdere il pressapocchismo e la saccenteria di chi pensa di conoscere strategie e giochetti e impegnarsi, di contro, concretamente sui temi dello sviluppo e del rilancio complessivo del nostro territorio.

Criticare, ad esempio, idee come la nascita di un’Agenzia Unica dello Sviluppo che riduca i costi e capitalizzi le professionalità, nata dal confronto fitto e intelligente messo in essere dalla due giorni voluta dall'Associazione Mezzogiorno Nazionale, non accorgersi che tale proposta è stata condivisa da ampi settori della società civile e da eminenti rappresentanti della politica (anche avversari), non comprendere sino in fondo che la politica deve ritornare a essere partecipazione e ascolto significa essere miopi e volersi esclusivamente dedicare alla banale conflittualità iper polemica di chi non ha idee e non vuole nè confronto, nè unità”.

“Non capire – ha aggiunto Orlando - che parlare di innovazione e città sostenibile insieme ad associazioni e giovani operatori del settore vuol dire aprirsi dinamicamente al dialogo e stare tra la gente, lanciare proposte fattibili per la città futura, denunciare proposte irrealizzabili e utopiche per la città attuale, è e resta un efficace metodo per capire fino in fondo ciò che accade nel ‘macrocosmo urbano’ uscendo (ma non per questo tradendo) dal ‘microcosmo partitico’, significa purtroppo non voler costruire realmente una forza politica moderna che sappia interpretare le esigenze del Popolo e, contemporaneamente, difendere la sua inalienabile Libertà.

A questo punto una classe dirigente degna di rappresentare una ampia comunità di valori e idee ha l'obbligo di interrogarsi, di fare autocritica, di lanciare progetti, di incentivare valutazioni, di saper svolgere il ruolo che le è stato affidato. Il bivio è dinanzi a noi tutti e a esso è legata la capacità di scelta e la conseguente prospettiva. E' arrivato il momento della responsabilità, vero banco di prova per chi crede ancora che fare politica sia soprattutto impegno e serietà”.
Notizie correlate
PDL, Viespoli: s'ignori chi degrada il dibattito. Boccalone: i 5 mostrano l'esistenza in vita
PDL Benevento, l'area De Girolamo attacca Pepe e Damiano. Stoccate ai viespoliani



Articolo di / Commenti