Più scienza per l'Europa: serve il 3% del PIL!

9:22:11 1930 stampa questo articolo
Scienza e tecnologiaScienza e tecnologia

Investire nel futuro: un appello per la scienza e l'innovazione. Le accademie scientifiche europee chiedono "almeno il 3% del PIL" per ricerca e sviluppo.

Le principali accademie scientifiche europee si sono unite per lanciare un appello urgente ai leader politici: **aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo (R&S) ad almeno il 3% del PIL**. Questa richiesta, contenuta in un documento congiunto, è un segnale forte e chiaro dell'importanza attribuita alla scienza e all'innovazione per il futuro dell'Europa.

L'Europa è attualmente indietro rispetto ad altri paesi sviluppati in termini di spesa per R&S. La media UE si attesta al di sotto del 2% del PIL, mentre Corea del Sud, Stati Uniti e Giappone investono già oltre il 3%. Questa lacuna rischia di mettere a repentaglio la competitività globale dell'Europa e la sua capacità di affrontare le grandi sfide del XXI secolo, come il cambiamento climatico, le malattie e la digitalizzazione.

Investire per raccogliere i frutti

Aumentare gli investimenti in R&S non è solo un dovere verso le generazioni future, ma anche un investimento con un alto rendimento. La ricerca e l'innovazione sono infatti i motori della crescita economica e della creazione di posti di lavoro. Secondo le stime, un aumento di un punto percentuale della spesa per R&S potrebbe generare un aumento dello 0,7% del PIL e creare fino a 2 milioni di nuovi posti di lavoro entro il 2030.

Una sfida per tutti

L'obiettivo del 3% del PIL per R&S è ambizioso, ma raggiungibile. Richiederà un impegno da parte di tutti gli attori, dai governi alle imprese, dalle università ai cittadini. È necessario creare un ecosistema che favorisca la collaborazione e la sinergia tra tutti gli attori coinvolti.

Le elezioni europee del 2024 rappresentano un'occasione importante per fare un passo avanti in questa direzione. Gli scienziati europei chiedono ai candidati di prendere impegni concreti per aumentare gli investimenti in R&S e di fare della scienza e dell'innovazione una priorità per il futuro dell'Europa.

Un investimento per il futuro

Investire in ricerca e sviluppo significa investire nel futuro dell'Europa. Significa creare un'Europa più prospera, più sostenibile e più competitiva. Significa dare alle nuove generazioni le opportunità e gli strumenti per affrontare le sfide del domani. È un investimento che non possiamo permetterci di non fare.



Articolo di Università, Ricerca / Commenti