Seconda giornata ecologica promossa a Santa Clementina. Soddisfatto il Comitato di Quartiere

13:0:32 2758 stampa questo articolo
Associazione Santa ClementinaAssociazione Santa Clementina

L’idea e l’obiettivo del Comitato è quello di migliore la vivibilità e la fruibilità della contrada.

Il Comitato “Associazione Santa Clementina” ha promosso la seconda giornata ecologica: “L’obiettivo ambizioso – spiegano – è quello di realizzare un modello di contrada, in cui la valorizzazione dell’ambiente e delle bellezze storico-paesagistiche, dei servizi indispensabili per una comune convivenza e delle singole esigenze del cittadino, dovranno essere garantite e rispettate con la consapevolezza che l’habit naturale appartiene a tutti, e di conseguenza nessuno, sia esso ente, individuo o associazione che sia, è legittimato ad assumere posizioni dominanti o di evidente opportunità nell’orientare iniziative e scelte che apparentemente possa apparire di tutela del supremo interesse pubblico ma che nei fatti persevera in una pericolosa ed irreversibile pratica dell’abbandono, non assolutamente in linea con gli interessi di tutta la comunità, soprattutto per la sicurezza oltre che della bellezza.

A distanza di pochi mesi, il comitato redige un primo bilancio più che positivo, in cui riscontra un apprezzabile interesse delle istituzioni alla risoluzione dei problemi, con l’ascolto e la messa in campo di iniziative progettuali che ha inteso sottoporre ai vari enti.

In particolare un ringraziamento va al Comune di Benevento, nelle persone dell’assessore Pasquariello e l’ing. La Peccerella, che hanno inteso collaborare e dare man forte per la risoluzione dello svincolo di via latina, all’imminente ripresa dei lavori di completamento del collettore fognario e dell’illuminazione di via Antico Sannio, dell’assessore Russi e del delagato Angelo Feleppa, per lo spirito di abnegazione e forte senso di responsabilità umano nel perorare la causa ambientale, contribuendo ad avviare delle intense campagne di bonifica del territorio e alla lotta contro i responsabili delle discariche abusive, congiuntamente ai funzionari dell’Asia e alla polizia municipale, sempre più attenta alla sorveglianza ed alle attività investigative per identificare i responsabili, ai dirigenti e funzionari del Comune di Benevento del settore Lavori Pubblici e Ambiente, in particolare l’arch Elena Cavuoto, che con professionalità e dedizione al delicato incarico a cui è proposta, sta coordinando gli interventi sollecitati dal comitato.

E’ doveroso rimarcare anche l’ apprezzabile interessamento ma non meno determinante, da parte della Provincia di Benevento, la quale sta mettendo in atto, grazie alla sensibilità e senso del dovere del Presidente Ricci, congiuntamente alla dirigenza di settore, ing. Fusco Gennaro, una prima serie di interventi di messa in sicurezza del fiume Calore, proprio nei tratti di elevata pericolosità per la contrada, a cui seguirà, da qui a pochi mesi, un intervento più strutturale che coinvolgerà l’intera rete idrografica, sia a monte che a valle del centro urbano.

A tal proposito, il Presidente Ricci, ha manifestato palesemente da buon amministratore, la volontà di ascoltare, collaborare e supportate le attività del Comitato nell’interesse della contrada s. Clementina e Pantano, per anni dimenticate ed abbandonate, impegnandosi al coinvolgimento attivo della cittadinanza sia per gli interventi attualmente in corso che quelli avvenire, quest’ultimi strutturalmente più incisivi per un impegno di spesa di circa 7 milioni di euro.

Pertanto il Presidente Claudio Rocco reputa indispensabile accogliere il supporto e la collaborazione sinergica sia del Comitato di Pantano nella persona di Alfonso De Rosa, interlocutore imprescindibile, in quanto portavoce di una comunità seriamente provata dalla disastrosa alluvione del 2015 che deve essere necessariamente interpellata, che della Lipu nella persona di Marcello Stefanucci, al fine di intraprendere, finalmente e per la prima volta un percorso responsabile di azione incisiva sulla manutenzione ordinaria dei fiumi, che non abbia una natura straordinaria ma sistematica, vedendo come protagonista la Provincia insieme al Comune di Benevento, ognuno per le rispettive competenze e doveri istituzionali rispetto al cittadino, così come l’ordinamento degli enti locali e la Costituzione prevedono.

Per quanto già fatto e per quanto è in progetto di realizzate, che il Presidente Rocco deve un doveroso ringraziamento anche tutti gli organi di stampa per la trasparente, corretta e attenta comunicazione con cui stanno dando risalto alle azioni del Comitato, a tutti gli associati che credono e sostengono il comitato, confidando in un crescente coinvolgimento, esortando anche tutti gli altri cittadini di Benevento di altre contrade a collaborare con le istituzione e fare di un modello la partecipazione attiva ad ogni livello, scendendo in campo e non limitandosi semplicemente alla lagna pretestuosa o alla critica di fazione, o peggio ancora alla iniqua e tossica rassegnazione, avversa al cambiamento”.



Articolo di Associazionismo / Commenti