A Benevento appuntamento con "Una manovra per la vita"

12:6:20 14492 stampa questo articolo
Manovra anti-soffocamentoManovra anti-soffocamento

Campagna socio-sanitaria di dimostrazione pratica della manovra salva-vita per evitare il soffocamento dei bambini organizzata dalla Società Italiana di Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica (SIMEUP).

Nuovo appuntamento a Benevento con “Una manovra per la vita”, il corso rivolto ai laici che da diversi anni insegna a disostruire le vie aeree e prevenire il soffocamento di bambini e lattanti che hanno inalato accidentalmente un corpo estraneo.  L’evento si svolgerà domenica 9 ottobre, dalle 9 alle 13 a piazza Castello.

La manifestazione è stata organizzata da Flavio Quarantiello, presidente della SIMEUP Campania e pediatra presso l’Azienda Ospedaliera “G. Rummo” di Benevento, in collaborazione con il Gruppo Emergenze Pediatriche Sannita (GEPS) e la Misericordia di Benevento.

Gli istruttori con l’ausilio di manichini pediatrici mostreranno e faranno praticare le manovre salva-vita di disostruzione delle vie aeree nel lattante e nel bambino a tutti i parcecipanti. Lo scopo della manifestazione è insegnare a genitori, nonni, insegnanti delle scuole e personale sanitario le manovre da attuare per la disostruzione delle vie respiratorie nel caso di inalazione accidentale di un corpo estraneo che le ostruisce completamente.

Uno dei compiti deontologici degli operatori pediatrici è divulgare messaggi sulla prevenzione degli incidenti. Si tratta di un’azione essenziale, essendo ben noto che la maggior parte di essi possono essere prevenuti o per lo meno ridotti nella gravità delle conseguenze e costo sociale, con un’efficace e adeguata educazione sanitaria. Si calcola che 1 su 4 delle morti registrate come morte accidentale sono dovute nel bambino più piccolo a soffocamento per ostruzione delle vie aeree improvvisa da inalazione di cibo, giocattoli ecc.

“Si tratta – ha affermato Quarantiello – di una vera e propria manovra salva-vita che tutti dovrebbero imparare. Agire rapidamente e correttamente, quando non c’è tempo per aspettare l’intervento di medici e ambulanze, potrebbe scongiurare quei casi di soffocamento che purtroppo costituiscono un’importante percentuale nei decessi dei bambini. Da vari anni la SIMEUP è impegnata in questa campagna socio-sanitaria di divulgazione e informazione sempre più radicata nel territorio”.



Articolo di Sanità / Commenti