Al Rummo il corso di formazione teorico - pratico per medici ed infermieri

13:22:28 2699 stampa questo articolo
Ospedale RummoOspedale Rummo

All’evento formativo sono stati assegnati 15 crediti per l’educazione continua in medicina.

Proseguono le attività formative promosse dalla fondazione ISAL, in collaborazione con l’Azienda Ospedaliera “Gaetano Rummo” di Benevento. Nelle giornate del 23 e 24 marzo, presso la sala operatoria multidisciplinare della stessa azienda si terrà un corso teorico pratico relativo agli accessi venosi a medio e lungo termine. L’evento formativo, dedicato ad un totale di 15 medici ed infermieri, si pone l’obiettivo di fornire non solo presupposti teorici e pratici sulle più attuali tecniche di accesso venoso, ma,altresì, fornirà interessanti spunti relativi alla scelta del miglior accesso per ciascun singolo paziente e per ciascuna specifica situazione clinica.

Sede del corso sarà l’unità semplice dipartimentale di terapia del dolore e cure palliative del nosocomio cittadino. Alla sessione teorica del giorno 23, seguirà, in data 24, una pratica su simulatori e una partecipazione, in sala operatoria, al posizionamento di accessi venosi per terapie infusionali di medio-lungo termine. Nella sessione pratica saranno presentate tecniche innovative, soprattutto quelle che si stanno affermando in quest’ultimo anno. Infatti il campo degli accessi venosi risulta essere in continua evoluzione tecnologica. Tutto ciò va a costituire un notevole vantaggio sia per i pazienti che per gli operatori sanitari. Una particolare attenzione sarà dedicata allo sviluppo dei materiali e all’utilizzo routinario dell’ecografia quale strumento indispensabile per una tecnica corretta e sicura. il corso vedrà la partecipazione di medici ed infermieri provenienti da tutta Italia, la maggior parte dei quali già esperti conoscitori delle tecniche di posizionamento degli accessi venosi. Pertanto, il corso sarà anche un interessante momento di confronto su esperienze e casistiche provenienti dalle varie regioni del nostro paese. All’evento formativo sono stati assegnati 15 crediti per l’educazione continua in medicina. 



Articolo di Sanità / Commenti