Pozzallo. E' operativa la nuova struttura per richiedenti asilo

21:39:26 6338 stampa questo articolo
Barchino carico di profughiBarchino carico di profughi

Accelerare le procedure di accertamento per lo status di rifugiato in Italia, questo lo scopo della prima struttura di trattenimento per i richiedenti asilo.

Nella città costiera di Pozzallo, in Sicilia, è entrata in funzione la prima struttura dedicata all'accertamento dei richiedenti asilo. Questo nuovo centro ha l'obiettivo di semplificare e accelerare il processo di verifica per l'ottenimento dello status di rifugiato, un passo cruciale per chi cerca protezione legale in Italia e in conformità al diritto internazionale.

In base al diritto italiano e al diritto internazionale, chi può richiedere lo status di rifugiato?

Lo status di rifugiato è riservato a coloro che possono dimostrare di essere perseguitati nel loro paese d'origine a causa di razza, religione, nazionalità, appartenenza a un gruppo sociale particolare o opinioni politiche. Inoltre, l'aspirante rifugiato deve dimostrare di essere impossibilitato a tornare nel proprio paese a causa di questa persecuzione.

Il processo per ottenere lo status di rifugiato inizia con la presentazione di una richiesta presso una struttura autorizzata, come l'Hotspot di Pozzallo. Da qui, le autorità italiane iniziano un'indagine dettagliata per determinare se il richiedente soddisfa i requisiti stabiliti dalla Convenzione di Ginevra del 1951 e dal diritto italiano.

Il funzionamento di questa nuova struttura costituisce, secondo le politiche governative, uno strumento di gestione dell'immigrazione e nell'offrire una risposta più rapida ed efficace alle persone in fuga da situazioni di pericolo nei loro paesi d'origine.

L'apertura di questa struttura è avvolta dalle polemiche. Fortemente voluta dal ministro dell'Interno e rapidamente allestita, è stata approvata con un corollario di altri provvedimenti che hanno suscitato le vive proteste dell'opposizione. In particolare, è aspramente criticata la previsione del pagamento di 5000 euro da parte dei migranti per velocizzare la pratica di richiesta d'asilo, e la presunzione di considerare maggiorenni chi non riesce a provare di avere la minore età. Nel primo caso si obietta che i migranti difficilmente hanno con sè tali somme e nel secondo che è difficile per i migranti, scappati dai loro paesi, poter. provare con documenti.- che spesso non hanno - la loro età. Ma presumere che siano maggiorenni serve solo a poterli respingere - molto più facilmente - a prescindere, mentre i minorenni sono soggetti a maggiori tutele.



Articolo di Migrazioni / Commenti