Avellino. Finisce in manette il marito geloso

14:28:10 3470 stampa questo articolo
Pattuglia dei Carabinieri (foto di repertorio)Pattuglia dei Carabinieri (foto di repertorio)

Resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni personali, maltrattamenti verso i familiari e minaccia, queste sono le accuse che hanno portato all’arresto, operato dai Carabinieri della Compagnia di Avellino, di un 45enne irpino.

Un'animosa lite familiare viene segnalata ieri mattina al 112. Così i militari della Stazione di Montefredane sono intervenuti a Grottolella. Qui, presso l’abitazione indicata, i Carabinieri hanno trovavato l’uomo che non nuovo ad episodi di tale natura, aveva  aggredito verbalmente la coniuge arrivando finanche a minacciare il suocero che era giunto per fare loro visita.

Considerata la delicatezza della situazione i Carabinieri, hanno invano cercato di rasserenare gli animi e ricomporre il dissidio, verosimilmente scaturito per motivi di gelosia, richiedendo sul posto la presenza di un assistente al servizio sociale competente.

Tuttavia, nonostante i ripetuti sforzi, il 45enne non si è calmato ed anzi ha continuato ad inveire contro tutto il personale operante. Invitato ad uscire dall’abitazione, per tutta risposta, in una rapida escalation di livore, si è scagliato contro uno dei carabinieri presenti, facendolo cadere a terra e dandosi alla fuga.

Inutile il maldestro tentativo di sottrarsi alle proprie responsabilità. L’uomo, immediatamente ricercato da tutte le pattuglie dispiegate sul territorio, è stato subito rintracciato dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Avellino e condotto in caserma.

Alla luce delle evidenze emergenti dalla flagranza di reato, il 45enne è stato dichiarato in stato di arresto e, espletate le formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza del Comando Provinciale Carabinieri di Avellino a disposizione della locale Procura della Repubblica.



Articolo di Avellino / Commenti