Caserta. Scoperta Fabbrica abusiva: lavoratori in nero e violazione della normativa ambientale. Denunciato il titolare

8:40:54 3351 stampa questo articolo
Opificio abusivo sequestrato dalla Guardia di FinanzaOpificio abusivo sequestrato dalla Guardia di Finanza

La Guardia di Finanza di Caserta ha sequestrato un tomaificio abusivo, situato nel Comune di Arienzo, dove l’attività veniva svolta in totale spregio della normativa sul lavoro e quella ambientale.

Il titolare dell’azienda si avvaleva di ben 7 lavoratori completamente “in nero” ed esercitava la propria attività in assenza della prescritta Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.), titolo autorizzativo imprescindibile per le piccole e medie imprese non soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale.

Per questo motivo i militari operanti hanno posto i sigilli ai locali, alle attrezzature ed ai materiali ivi contenuti, nonché provveduto a denunciare a piede libero alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere il legale rappresentante della società.

Questo ennesimo intervento conferma la prassi, molto diffusa nella Provincia di Caserta, di avvalersi, soprattutto nella produzione di semilavorati per il settore calzaturiero e dell’abbigliamento, di aziende che operano con impianti ed attrezzature collocati in ambienti non idonei e senza le necessarie misure di sicurezza e di tutela ambientale, servendosi in gran parte di forza lavoro irregolare.

Anche in questo caso all’intervento repressivo seguiranno ulteriori approfondimenti per procedere alle connesse contestazioni anche sotto il profilo fiscale, non solo per l’azienda direttamente interessata, ma anche per i committenti che beneficiano, attraverso questi espedienti illeciti, di una considerevole riduzione dei costi di produzione.



Articolo di Caserta / Commenti