Crisi idrica. Altrabenevento: "Le perdite a Gioia Sannita superiori alle necessita' di Benevento"

18:3:4 2788 stampa questo articolo
Gabriele Corona, presidente di AltrabeneventoGabriele Corona, presidente di Altrabenevento

"La attuale crisi idrica di Benevento era annunciata da quattro mesi ma Regione, Comune e Gesesa non hanno fatto niente per gestirla". E' l'accusa lanciata dall'associazione Altrabenevento.

Una crisi annunciata a cui nessuno ha saputo far fronte, questa l'accusa lanciata dal presidente di Altrabenevento, Gabriele Corona. Altrabenevento lamenta anche il mancato avviso degli utenti per la mancanza d’acqua.

Corona afferma infatti che la "Gesesa ha ridotto la fornitura di acqua alla parte alta della città, quella servita dall'acquedotto Torano- Biferno, improvvisamente e senza adottare il sistema di annunci telefonici utilizzato per un concerto di Città Spettacolo, a causa della crisi idrica annunciata da almeno 4 mesi. La Regione Molise, infatti, a giugno scorso ha comunicato che da ottobre avrebbe fornito alla Campania meno acqua dalla sorgenti del Biferno per la siccità primaverile ed estiva.  Nonostante la notizia fosse ufficiale - continua il presidente di Altrabenevento - la Regione Campania, la GESESA e il Comune di Benevento non hanno fatto niente per affrontare adeguatamente l’annunciata crisi".

Secondo Altrabenevento il sindaco Mastella e l'amministratore della Gesesa, Abbate, si sarebbero limitati ad acquisire i pozzi di San Salvatore Telesino, "regalati dalla Regione Campania, ma quegli impianti non funzionano da oltre 10 anni perchè forniscono acqua di pessima qualità. Intanto i dirigenti del servizio acquedotti della Regione Campania non hanno neppure riparato per intero le gravi perdite alle tubazioni del Torano-Biferno a Gioia Sannita che abbiamo documentato con diversi servizi video tra luglio e agosto scorsi. Dopo oltre tre mesi di incomprensibili lavori, le perdite ci sono ancora e sono consistenti. Sicuramente si perde un quantitativo di acqua superiore a quello che servirebbe alla città di Benevento per la normale erogazione idrica". 

Infine l'affondo alla politica: "Neppure le forze politiche e il Movimento 5 stelle, sono intervenuti per capire come si fanno i lavori di manutenzione degli acquedotti e quali grandi interessi si nascondono dietro l’annunciata crisi anche da parte di ACEA, socio di maggioranza di Gesesa".

Altrabenevento ha realizzato una video inchiesta in quattro puntate in cui fa emergere le responsabilità dell'emergenza idrica in città.

 


Prima parte della video inchiesta di Altrabenevento

Notizia correlata

Continua la crisi idrica. Tra le misure annunciate l'utilizzo dei pozzi della valle Telesina



Articolo di Associazionismo / Commenti