Il Tesoro di San Gennaro: 500 anni di donazioni e tesori custoditi nel Duomo di Napoli

11:14:48 6274 stampa questo articolo
Duomo di Napoli - facciataDuomo di Napoli - facciata

Napoli, una città ricca di storia, cultura e devozione, custodisce uno dei tesori più straordinari al mondo: il Tesoro di San Gennaro. Questo scrigno di oltre 20.000 pezzi, raccolti in oltre cinque secoli, rappresenta non solo un patrimonio inestimabile, ma anche un legame indissolubile tra la città e il suo santo patrono.

San Gennaro, nato a Benevento nel III secolo d.C., fu vescovo di Napoli. Fu martirizzato nel 305 d.C., durante la persecuzione dei cristiani da parte dell'imperatore Diocleziano. La sua storia è legata a Napoli in modo indissolubile. Secondo la tradizione, il suo sangue, raccolto dopo la decapitazione, si scioglie tre volte l'anno, il 19 settembre, il 16 dicembre e il primo sabato di maggio. Questo fenomeno, che è considerato un miracolo, è motivo di grande devozione per i napoletani.

Il tesoro di San Gennaro

Il tesoro di San Gennaro è un compendio della storia e della devozione dei napoletani al loro patrono. La sua ricchezza e varietà sono il segno dell'amore e della gratitudine dei fedeli. Il tesoro comprende oggetti di oro, argento, bronzo e pietre preziose, realizzati da artisti di fama mondiale. Tra i pezzi più importanti si possono menzionare: le ampolle con il sangue di San Gennaro, conservate nella Cappella del Tesoro; la mitra e il pastorale del vescovo, realizzati in oro e argento; la collana del Tesoro, composta da 220 pietre preziose; il carro trionfale, utilizzato per la processione del 19 settembre.

Questo tesoro unico comprende gioielli, paramenti sacri, oggetti d'arte, reliquie e altre preziose donazioni. Ma la sua importanza va oltre la semplice ricchezza materiale. Il Tesoro di San Gennaro è un simbolo della fede e della gratitudine dei fedeli verso il santo protettore di Napoli.

Le vicende storiche legate al Tesoro di San Gennaro sono altrettanto affascinanti. Nel corso dei secoli, il tesoro è stato spesso oggetto di rapine e spoliazioni, ma miracolosamente è sempre tornato alla sua casa, nel Duomo di Napoli. Nel tempo, è stato custodito in diversi luoghi, tra cui il Castel Nuovo e il Palazzo Reale. Nel 1943, durante la Seconda guerra mondiale, il tesoro fu portato in Vaticano per essere conservato. Fu riportato a Napoli nel 1947.

Ma non è solo la storia a rendere il Tesoro di San Gennaro celebre. Anche il cinema ha reso omaggio a questa straordinaria collezione. Nel 1966, Nino Manfredi, diretto da Dino Risi, ha interpretato il ruolo di un ladro nel famoso film "Operazione San Gennaro," in cui un gruppo di criminali tenta di sottrarre il tesoro. Questa pellicola ha contribuito a diffondere la fama del tesoro a livello internazionale.

Il Tesoro di San Gennaro è un'opera d'arte e un segno di devozione, una testimonianza della storia e della fede di Napoli. Questa straordinaria collezione continua a incantare chiunque abbia la fortuna di visitarla nel Duomo di Napoli, testimoniando il legame indissolubile tra la città e il suo amatissimo santo patrono.



Articolo di Beni Culturali / Commenti