Imu su terreni agricoli, Zaccaria Spina all'Anpci: 'Previsione assurda'

11:23:37 5040 stampa questo articolo
Zaccaria SpinaZaccaria Spina

Si è riunito a Roma il Direttivo Nazionale dell’Anpci, l’associazione che raggruppa i Comuni fino a 5.000 abitanti. Nella riunione di Roma era presente il sindaco di Ginestra degli Schiavoni Zaccaria Spina che ha posto l’accento soprattutto su alcune delle questioni che a breve avranno impatto sulle attività di quasi tutti i piccoli Comuni della provincia di Benevento.
“Abbiamo analizzato una serie di iniziative parlamentari - ha affermato Spina - relative all’associazionismo obbligatorio, alla centrale unica di committenza, al limite della spesa del personale per i comuni soggetti a patto di stabilità, ma a tenere banco è stato l’ennesima tegola che rischia di cadere sulla testa dei cittadini e dei nostri Enti, ossia il pagamento dell’IMU sui terreni agricoli in tantissimi comuni individuati in base ad indici di altitudine. Si tratta di un previsione assurda non solo nella sostanza ma anche per la forma, il modo ed i tempi in cui è arrivata e che mette a rischio in molti casi ancora una volta le finanze comunali. La misura appare iniqua e contravviene ad una prassi consolidata dal 1993 che ha visto quei territori esenti sia per quanto concerne l’ICI che l’IMU. Ora, a pochi giorni dalla scadenza del pagamento della rata finale dell’IMU (ed ormai alla vigilia dell’assestamento di bilancio), si tratterebbe di informare contribuenti totalmente ignari (molti irreperibili ed ignoti ai comuni o emigrati all’estero da decenni) e di modificare previsioni di bilancio già molto precarie. Anche questa problematica - continua Spina - sarà posta all’attenzione di Governo e Parlamento da parte dell’ANPCI per scongiurare manovre che rischiano di far saltare i già precari equilibri di bilancio, oltre che vessare ulteriormente i cittadini contribuenti. L’auspicio - conclude il sindaco - è che vengano ripristinate le condizioni per poter amministrare con serenità ed efficacia le nostre Comunità.”



Articolo di Fortore / Commenti