San Giorgio La Molara. Vella: "Scaduta la concessione all'IVPC ma l'impianto continua a funzionare"

17:6:4 1067 stampa questo articolo
Parco eolicoParco eolico

Il consigliere di minoranza Luigi Vella ha presentato una richiesta di Interrogazione a risposta verbale sul tema della concessione di impianto eolico all’IVPC, scaduta il 17 dicembre 2016, per conoscere quali provvedimenti abbia assunto l'Amministrazione.

Il consigliere Vella chiarisce che la convenzione stipulata nel 1996 dispone chiaramente che alla scadenza il Comune rientra “nel possesso degli immobili, nonché degli impianti realizzati che non siano suscettibili di rimozione ... salva la possibilità di concordare la proroga”.

"La sostanza - sottoinea il consigliere comunale - è chiarissima. La scadenza ventennale non consente che l’esercizio dell’impianto eolico in capo al concessionario sia continuato e continui tutt’ora. Anche nella forma, l’azione comunale non è condivisibile, perché eludere quanto stabilito a suo tempo dal consiglio comunale significa lederne la competenza".

Chiari anche gli effetti economici: "Alla presenza di una delibera di consiglio comunale del 1996, la quale prevede la scadenza ventennale, consentire la continuazione dell’esercizio dell’impianto comporta la gestione impropria di vantaggi economici. E’ nella bontà delle cose che società private perseguano legittimi scopi di lucro, ma non sono condivisibili condotte di funzioni pubbliche prostrate ai privati. In virtù delle quali, non la rappresentazione prudente di territori, popolazioni e prerogative pubbliche, che consentisse l’inserimento armonico di tralicci eolici nell’ambiente, ma la sottomissione agli interessi forti e all’alta politica ha determinato la trasformazione dell’area appenninica da agricola a industriale. Non più pascoli e messi dello spartiacque tirreno adriatico, ma copiosi grovigli di cavi e tralicci".

"L’impatto economico e sociale è specialmente devastante per il nostro Comune, che vanta una tradizione millenaria e primati nell’attività agricola specialmente zootecnica", conclude Vella.



Articolo di Dai Comuni / Commenti