La Guardia di Finanza sequestrata discarica abusiva di 20.500 metri quadri

10:51:23 5958 stampa questo articolo
Sequestro della discarica abusiva da parte della Guardia di Finanza di Caserta.Sequestro della discarica abusiva da parte della Guardia di Finanza di Caserta.

Il sequestro è il risultato delle attività di controllo economico del territorio, posti in essere dalla Guardia di Finanza, per la prevenzione e repressione dei reati ambientali.

Caserta - I militari della Compagnia della Guardia di Finanza di Marcianise hanno individuato, nel pieno centro cittadino del comune di San Felice a Cancello, una vasta superfice di circa 20.500 mq in uno stato di totale degrado ed illecitamente adibita a discarica abusiva.

I Finanzieri, a seguito di sopralluoghi preliminari e rilievi fotografici, hanno effettuato l’accesso in un’area privata recintata e non visibile dall’esterno. Dall’esame visivo del sito è stato possibile constare che sul terreno erano ammassati scarti di prodotti, di natura anche speciale, che si propagavano anche nel suolo.

I due proprietari dei terreni su cui si estendeva la discarica sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e dovranno ora rispondere dell’illecito sversamento dei rifiuti e dei gravi reati ambientali commessi.

Nella discarica, infatti, c’era di tutto, decine di tonnellate di rifiuti, molti dei quali pericolosi e tossici, costituiti, tra l’altro, da carcasse di autovetture e motociclette, catrame, pneumatici, elettrodomestici fuori uso, materassi, materiale di risulta di demolizioni di strutture in cemento armato, oltre che da diversi pannelli di eternit, composto notoriamente considerato altamente cancerogeno per la salute umana.

Il materiale rinvenuto è stato probabilmente accumulato, in modo illecito, allo scopo di evitare gli onerosi costi richiesti per il regolare smaltimento dello stesso nelle discariche autorizzate.

Questa pratica, oltre a deturpare gravemente il territorio, qualora svolta all’interno di aree cittadine, come quella scoperta dalle Fiamme Gialle, può provocare irreparabili contaminazioni del suolo e gravi danni alla salute degli abitanti. Per tale motivo, per evitare il rischio di inquinamento, i
finanzieri hanno quindi proceduto al sequestro dell’intera area, al fine di attivare le procedure presso gli Enti preposti per consentirne la successiva bonifica.

I risultati dell'azione dei militari dimostra come sia encomiabile l’impegno profuso quotidianamente dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Caserta, anche nei piccoli centri urbani, a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini.



Articolo di Caserta / Commenti