La Polizia Postale di Benevento all'Istituto Comprensivo Statale di Telese

11:50:27 2973 stampa questo articolo
ScuolaScuola

Continuano gli incontri della Sezione Polizia Postale e delle Comunicazioni di Benevento con gli alunni degli Istituti scolastici sanniti, tesi a sensibilizzare i ragazzi su un uso consapevole del computer e di internet. L'11 aprile scorso, il sovrintendente Giuseppe Orlacchio, coadiuvato dal sovrintendente Pompeo Cocco, ha incontrato gli alunni dell'Istituto Comprensivo Statale di Telese Terme sul tema "Utilizzo consapevole della rete internet” ed avvalendosi di una presentazione multimediale e di file video, ha affrontato le varie problematiche connesse al mondo di internet, illustrando i compiti della Polizia delle Comunicazioni quale "specialità" della Polizia di Stato all'avanguardia nell'azione di prevenzione e contrasto della criminalità informatica, con la competenza di assicurare l'integrità e la funzionalità della rete informatica e contrastare la pedopornografia online. Nel corso dell'incontro, a cui hanno partecipato le prime classi della Scuola Secondaria di I grado con i docenti, sono stati esaminati i pericoli in cui spesso impattano i ragazzi durante la navigazione su internet e sui social network tipo Facebook. E’ stata raccomandata prudenza e rispetto verso se stessi e gli altri nell'uso del computer e di dubitate delle persone conosciute navigando in Internet. Ai ragazzi è stato spiegato che Internet, oltre a fornire possibilità di lavoro e di svago, costituisce il più importante strumento di ricerca e comunicazione che è riuscito ad annullare le distanze, non solo tra un individuo e l'altro, ma anche tra Paesi e culture. Usato con intelligenza aiuta nello svolgimento delle attività quotidiane, studio e gioco compresi, ma presenta anche il rovescio della medaglia diventando, quasi inavvertitamente, veicolo di violenza, razzismo, pornografia e pedofilia. Molti messaggi pericolosi, infatti, si celano dietro chat e forum apparentemente innocui. I minori non dovrebbero mai dare informazioni personali, mai rispondere a messaggi o richieste "particolari" che li facciano sentire confusi o a disagio, mai condividere le password di accesso, neanche con gli amici, usando password "complesse" che includano caratteri alfanumerici e simboli speciali. Ma, soprattutto, non dovrebbero mai accettare di incontrare da soli e senza avvisare nessuno, persone conosciute in chat o sui social network e mai utilizzare computer o smartphone senza un’adeguata protezione antivirus in quanto potrebbero scaricare virus informatici che infettando il pc possono permettere a malintenzionati di rubare i loro dati come foto o video personali o degli amici, pubblicarli su altri siti web o utilizzarli illegalmente. L'incontro ha riscosso un notevole apprezzamento tra gli alunni che hanno formulato domande particolari e specifiche, dimostrando una già apprezzabile conoscenza informatica superiore alla loro fascia di età e si è concordato con gli insegnati e il Dirigente scolastico di riproporlo in futuro anche per le altre classi, con eventuali approfondimenti.

commenti presenti 1 » LEGGI


Articolo di Scuola / Commenti