La testimonianza. Alluvione due anni dopo: quanto non e' stato fatto

16:59:4 3123 stampa questo articolo
Alluvione a Benevento del 15 e 19 ottobre 2015. Fiume Calore, Ponte VanvitelliAlluvione a Benevento del 15 e 19 ottobre 2015. Fiume Calore, Ponte Vanvitelli

Nel secondo anniversario dell'alluvione del 2015, che provocò gravi danni a Benevento e in molti comuni della provincia, riportiamo la testimonianza di un lettore che ha vissuto quei momenti in prima persona e che a due anni di distanza riscontra solo retorica e non vede affrontati i problemi per porvi soluzione, bensì solo paliativi.

"A due anni di distanza da quell'evento nefasto per l'intero Sannio, in cui alcuni rioni e contrade di Benevento, furono sommerse dall'acqua; sento l'obbligo di portare la mia testimonianza: su quanto non è stato fatto.

Ormai sono passati due anni da quella tragica notte: e continuo a pormi una domanda, che penso sia condivisa da gran parte dei cittadini beneventani, soprattutto da quanti quella notte, furono svegliati dall'acqua che gli entrò nelle case. Costringendoli a fuggire, per trovare riparo, ai piani superiori, sui tetti, dalle finestre; dovendo aspettare la mattina tardi per essere tratti in salvo; alcuni furono meno fortunati non avendo questa opportunità, passando la notte immersi nell'acqua e la melma, attaccati a qualche albero o a un palo dell'Enel, pur di non fare la fine dei topi in trappola. La domanda che ci poniamo quindi è: cosa è cambiato, cosa è stato fatto, a due anni di distanza? Purtroppo dobbiamo constatare: niente. Infatti tutte le criticità e le circostanze avverse che contribuirono che accadesse quella infausta notte,sono tutte senza soluzione, anzi si sono aggravate ulteriormente.

Questi due anni, si può affermare che siano trascorsi invano, i cittadini, soprattutto quanti hanno subito e vissuto sulla propria pelle gli effetti di quell'evento, si aspettavano almeno la vicinanza dagli amministratori, enti, istituzioni preposte a risolvere tali problematiche al fine che cose del genere, non potessero più ripetersi. Inoltre speravano anche che le stesse fossero state al loro fianco, per alleviare le conseguenze economiche che subirono, per cercare di uscire dall'emergenza, per riprendere la quotidianità nei limiti possibili. Tutto questo, si aspetta ancora che avvenga; perchè finora niente o quasi è stato messo in pratica.

Mi riferisco agli aiuti promessi, durante il pellegrinaggio-passerella, dei rappresentanti del governo, della politica, della Regione e degli amministratori (Provincia e Comune) che illusero i malcapitati in un momento di dolore e sconforto e fragilità, con lusinghiere promesse, finora completamente disattese, per la stragrande maggioranza degli alluvionati. Come sempre accade in situazioni del genere, solo in pochi, "i furbi", riescono ad approfittarne, per esempio favorendo l'emissione di fatture dubbie, per falsi lavori, per poter accedere agli aiuti, che prima erano "finanziamenti agevolati, poi diventati aiuti gestiti dalle banche o Credito d'imposta. Il risultato finale: da circa settecento richieste presentate al Comune, per danni subiti, si è passati a circa centosettanta che hanno successivamente presentata la richiesta.

Altra forma di richiesta di danni subiti, riguardane le aziende agricole, presentate presso la Provincia e alle Comunità Montane, competenti per territorio, che dovrebbero ottenere sovvenzioni dalla Regione, ad oggi non si conoscono a che punto siano. Altri aiuti, sono previsti con il P.S.R. della Regione Campania (Piano di Sviluppo Rurale NDA), con la misura 5.2.1, programmata nell'ottica di agevolare le aziende colpite dell'evento alluvionale; sembra che le richieste che hanno superato la fase istruttoria siano in fase di ottenere i decreti per il finanziameento.

Con questo stato di inerzia e di abbandono da parte delle istituzioni, siamo giunti al secondo anniversario, da quella notte spaventosa passata tra acqua, fango o per meglio dire nella melma; la "paura, l'angoscia", non è mai passata, non ci ha abbandonati, anzi ogni volta che le condizioni meteorologiche cambiano, ci assale sempre più forte. Gli abitanti sono tanto più scossi perche hanno ben presente che: le cause che portarono a quell'evento, sono ancora tutte presenti anzi si sono aggravate.

Le persone preposte, gli stessi enti, ormai hanno dimenticato quanto successe, perchè in tutto questo tempo, non si è più neanche parlato di messa in sicurezza di queste aree, non indicando, non progettando, le opere atte allo scopo. Il colpo di scena, è avvenuto a fine settembre, con l'amministrazione provinciale che ha preso l'iniziativa di intervenire nell'effettuare la pulizia dei fiumi, iniziando dal fiume Sabato, all'altezza dello stadio Santa Colomba, e successivamente interessando anche il Calore all'altezza della cofluenza col fiume Sabato.

Questo è avvenuto solo perche si aspettavano una reazione della popolazione interessata, per il secondo anniversario. I lavori che stanno eseguendo, si limitano a pulire il letto del fiume dagli alberi trasportati e il taglio di qualche albero esistente, e altro materiale trasportato dall'acqua come plastica, elettrodomestici e materiale vario che erano stati abbandonati nell'alveo dei fiumi; ma non a togliere dall'alveo stesso il grande quantitativo di sabbia limo e altri inerti, depositato negli anni che ricopre per vari metri in altezza il letto dello stesso, che in alcuni punti è più alto del terreno coltivato lungo le sue sponde lasciando per il deflusso dell'acqua un piccolo ruscello o rigagnolo.

Basta pensare che il fiume, non viene pulito o fatta manutenzione dagli anni settanta. Voglio ricordare agli amministratori, ai vari livelli che nella primavera 2016, in un convego a Torrecuso, fu lanciata l'idea di far ripulire i fiumi, da alcune imprese disponibili, che avrebbero fatto il lavoro a costo zero; mi chiedo perche non si è concretizzato tutto questo. Ritengo che questi lavori che si stanno effettuando, siano dei paliativi per prendere in giro ancora una volta, gli abitanti della zona. Questi lavori  potevano essere condivisi in fase di emergenza, quindi se effettuati subito dopo il 15 Ottobre 2015.

A distanza di due anni, gli abitanti che vivono nel terrore, che quella notte possa ripetersi, si aspettavano che venissero effettuati lavori adatti a risolvere il problema della messa in sicurezza del fiume e quindi una pulizia radicale. I lavori dovevano comprendere l'eliminazione dell'enorme quantita di inerti, abbassandolo al livello dell'attuale scorrimento dell'acqua, tutta la larghezza del suo letto; l'eliminazione dell'enorme numero di alberi dal suo letto, restando solo quelli lungo le sponde, che hanno la funzione di consolidarle, rendendole resistenti all'erosione di eventuali piene; il ripristino e consolidamento degli argini.

Inoltre agli abitanti, sembra che a decidere le condizioni di come effettuare i lavori attuali, siano le associazioni ambientaliste, come la "LIPU", e non il buon senso e il rispetto delle leggi esistenti. A tale proposito riporto una frase detta da un residente di contrada Pantano in un dibattito sul problema; rispondendo al rappresentante della LIPU - associazione che gestisce la zona umida e tutela gli uccelli - "gli uccelli, in caso di alluvione, se ne volano. Io e la mia famiglia, non possiamo farlo".  Questa frase dovrebbe far riflettere molto e a molti.

Inoltre Pantano, aspetta che si avverino anche le altre promesse fatte dai politici e dalle amministrazioni, come le vie di fuga in casi di calamità: "accesso alla tangenziale e l'allargamento del ponte sulla dismessa ferrovia, all'altezza dell'accesso alla pista ciclabile. Dopo due anni almeno queste opere dovevano essere realizzate, mentre non sono neanche in fase progettuale. Ieri (13/10/2017), presso il vivaio Ciampi in contrada Pantano è venuta la giornalista del TG3 con un suo operatore, che facevano un giro dei luoghi alluvionati, il filmato con le interviste sono andate in onda la sera; data l'esiguità del tempo, ritengo la cosa come un fatto dovuto data la ricorrenza, e quindi una ulteriore presa in giro. Spero che la stessa cosa, non accada, domenica 15 Ottobre presso il ristorante "Teodoro", in cui interverranno il presidente della Provincia e il sottosegretario Del Basso De Caro, per discutere con gli abitanti di questi problemi.

Dopo l'esperienza dello scorso anno presso lo stesso ristorante in cui si celebrò la messa con l'arcivescovo ed era presente il nuovo sindaco; che anche in quell'occasione fece delle promesse, per risolvere le problematichee. Invece da quella data niente è più successo. La speranza è che questa volta vengano con proposte concrete e soluzioni, possibilmente, finanziabili e cantierabili, atte a risolvere la messa in sicurezza del fiume e degli abitanti di contrada Pantano.

La politica e i politici non possono più prendere in giro le persone su cose cosi serie che riguardano l'incolumità e la sicurezza; ora è il tempo di "patti chiari , per un'amicizia lunga" come si conviene tra galantuomini. Altrimenti penso che facciano un'ulteriore figuraccia nei confronti di queste persone, già prese in giro da troppi personaggi, e da troppo tempo. Ora il tempo per le chiacchiere è terminato, questa gente merita e vuole fatti, altrimenti faranno meglio a non presentarsi. L'unica cosa che ci può consolare e ci accomuna in questa deriva delle nostre amministrazioni e dello Stato: che siamo in buona compagnia, con tutte le altre persone che nel paese aspettano le stesse cose: la messa in sicurezza e per molti qualcosa in più, come le case da ricostuire".

Domenico De Masi

Link di approfondimento Speciale alluvione 2015 a Benvento



Articolo di Lettere al giornale / Commenti