La troupe del film di Siani a Palazzo San Francesco per i saluti finali

17:2:9 5522 stampa questo articolo

Sono questi gli ultimi giorni di riprese per ‘Si accettano miracoli’ l’ultima creatura diretta ed interpretata da Alessandro Siani che ha scelto come location anche S. Agata de’ Goti, oltre a Scala. Dopo oltre un mese di riprese, infatti, la troupe della Cattleya sta facendo i bagagli per rientrare a Roma e lavorare alla fase successiva del film. Siani, accompagnato da Fabio De Luigi, oltre che da Maurizio Gemma della Cattleya e Matteo De Laurentis della Film Commission Campania hanno salutato, nella Sala Consiliare di Palazzo San Francesco, il primo cittadino Carmine Valentino e la sua giunta. Tanti i ringraziamenti per l’ospitalità e le scuse per il ‘disturbo’ che il set cinematografico ha arrecato al paese. “E’ stato un piacere girare a S. Agata, un borgo ricco di storia e cultura. Mi ha impressionato molto – ha commentato Siani - la socialità della gente, non so quante foto ho scattato negli ultimi tempi. E poi, sono tutti provetti attori i santagatesei!. Abbiamo avuto poche difficoltà a preparare le comparse”. “S. Agata si arricchisce di un ulteriore fregio, dopo il titolo di Bandiera Arancione ed il 7° posto tra i Borghi più Bello d’Italia, adesso possiamo annoverare il paese anche come set del film di Siani. Abbiamo cercato di trovare sempre un punto di accordo con la casa produttrice, per venire incontro alle esigenze della troupe, senza però mettere troppo in difficoltà i cittadini. Vi auguro un record di incassi che possano fare da volano anche al paese che mi onoro di amministrare. La speranza è che Siani si sia trovato realmente bene a S. Agata e possa ritornare non solo come turista, anche se ormai è un santagatese di adozione, ma anche per futuri lavori” – ha concluso Valentino. E come nelle migliori tradizioni che hanno caratterizzato le cinque settimane di riprese a S. Agata, l’incontro si è chiuso il saluto con le foto di rito nella Sala Consiliare.

Nella Melenzio

commenti presenti 2 » LEGGI


Articolo di Cinema / Commenti