Pompei non smette di stupire: scoperto un sacrario con le pareti blu

10:29:34 6390 stampa questo articolo
PompeiPompei

Sulle pareti del sacrario, uno spazio dedicato ad attività rituali e alla conservazione di oggetti sacri, figure femminili rappresentanti le stagioni, nonché due allegorie, rispettivamente dell’agricoltura e della pastorizia.

Un nuovo straordinario ritrovamento è emerso dagli scavi archeologici di Pompei: un sacrario con le pareti blu, arricchito da affreschi di eccezionale bellezza e valore storico. L’annuncio è stato fatto dal ministro della Cultura, il quale ha sottolineato come Pompei "non smette di stupire" e continua a rivelare preziose testimonianze del passato.

Il sacrario, uno spazio dedicato ad attività rituali e alla conservazione di oggetti sacri, presenta sulle sue pareti figure femminili che rappresentano le stagioni. Queste immagini, delicate e vivaci, offrono un affascinante scorcio sulla simbologia e sulle credenze religiose dell'antica Pompei. Accanto alle rappresentazioni delle stagioni, sono state individuate due allegorie, una dell’agricoltura e l’altra della pastorizia, che simboleggiano le attività fondamentali per la società pompeiana.

Le pareti blu del sacrario, un colore raro e pregiato nell'antichità, aggiungono un ulteriore elemento di fascino e mistero a questa scoperta. Questo pigmento, noto per la sua difficoltà di produzione e il suo valore elevato, suggerisce che il sacrario avesse una grande importanza e fosse destinato a cerimonie di particolare rilevanza.

Il ministro della Cultura, Sangiuliano, ha espresso grande soddisfazione per questa nuova scoperta, sottolineando come il sito archeologico di Pompei continui a rivelare aspetti sconosciuti della vita quotidiana, delle pratiche religiose e delle tradizioni artistiche dell'epoca romana. "Pompei è un tesoro inestimabile che non smette di stupirci", ha dichiarato, evidenziando l'importanza di proseguire gli scavi e gli studi per approfondire la nostra conoscenza del passato.

Questo ritrovamento rappresenta un ulteriore tassello nel complesso mosaico della storia di Pompei, confermando l'inestimabile valore culturale e storico del sito archeologico. La scoperta del sacrario con le pareti blu, arricchito da affreschi tanto significativi, non solo offre nuove prospettive sulla vita e le credenze degli antichi pompeiani, ma anche sull'arte e sulle tecniche pittoriche utilizzate in quell'epoca.



Articolo di Beni Culturali / Commenti