Prima campanella e polemiche. PD: "Disagi alla Papa Orsini e alla San Vito" | FOTO

11:29:4 859 stampa questo articolo
Scuola Papa Orsini, cancello diveltoScuola Papa Orsini, cancello divelto

"Oltre ai controlli per la sicurezza sismica degli edifici scolastici, c’è qualcuno deputato a verificare le condizioni igienico-sanitarie sia interne che esterne alle strutture?". 

"Questa mattina gli alunni del plesso scolastico 'Papa Orsini' di contrada Epitaffio sono stati costretti a tornare tra i banchi in una situazione di serio pericolo. Il cancello principale d’accesso alla scuola è stato divelto lo scorso 16 agosto in seguito ad un incidente stradale e nonostante numerose sollecitazioni da parte della preside al Comune di Benevento per ripristinarne il funzionamento e per rimuovere i pezzi in ferro ormai inutilizzabili, ad oggi non c’è stato ancora alcun intervento".

E' la denuncia lanciata dal gruppo consiliare del Partito Democratico a Palazzo Mosti che è intervenuto in merito alla sicurezza del plesso scolastico di contrada Epitaffio e sulle condizioni della scuola di contrada San Vito. 

"Per adesso - hanno aggiunto - sappiamo solo che lunedì 10 settembre, quasi un mese dopo, due addetti del Comune si sono recati presso l’istituto spiegando che le spese per risistemare il cancello sono irrisorie, ma che prima occorreva portar via le parti rotte. Gli stessi hanno precisato che la rimozione di queste ultime sarebbe avvenuta il giorno successivo, martedì 12 settembre, ma al 'Papa Orsini', per tutta l’intera giornata, non si è presentato nessuno. Oggi è suonata la prima campanella del nuovo anno scolastico e la faccenda non è stata ancora risolta: il Comune è in negligente e colpevole ritardo perché avrebbe avuto tutto il tempo, dal 16 agosto, di rimettere a posto il cancello. E invece si sono ricordati di inviare degli addetti solo due giorni prima dell’avvio delle lezioni, senza tuttavia passare all’azione".

Insomma, per la rappresentanza a Palazzo Mosti del Partito Democratico: "Dopo il trambusto che si è creato (ma si deve sempre arrivare a questo per
rivendicare un sacrosanto diritto come quello allo studio in sicurezza?), siamo pronti a scommettere che nelle prossime ore le parti in ferro fuori uso saranno tolte via, ma quanto bisognerà ancora attendere per la ricostruzione del cancello? Di certo non sarà fatta in tempi brevi e nel frattempo funzionari e assistenti scolastici, insegnanti e genitori si ritroveranno alle prese con una situazione incresciosa ancorché altamente preoccupante: nella scuola primaria (equivalente alle elementari) 'Papa Orsini' ci sono ben 81 alunni di cui alcuni molto piccoli che con un cancello sempre aperto per via del mancato intervento da parte del Comune, vanno incontro ad rischio concreto essendo l’Istituto adiacente ad una strada a scorrimento veloce come la Statale Appia. Ma non finisce qui".

Dai Dem, l'utleriore allarme: "Disagi più o meno simili anche per il plesso scolastico di contrada San Vito. In questo caso sono stati i genitori a lanciare l’allarme in merito ad una situazione di totale degrado che attanaglia l’Istituto. I bambini della scuola dell’infanzia e primaria oggi saranno accolti da erbacce, sterpaglie e rifiuti che non sono stati rimossi, più ruggine sui cancelli che sono sono stati tinteggiati e alcune . Non proprio il modo ideale per festeggiare il primo giorno di scuola. Non è certo il modo di tenere una scuola. Oltre ai controlli per la sicurezza sismica degli edifici scolastici, che pure verranno espletati in notevole ritardo, c’è qualcuno deputato a verificare le condizioni igienico-sanitarie sia interne che esterne alle strutture? Possibile che nessuno a Palazzo Mosti si stia rendendo conto di dove stiamo andando a finire?



Articolo di Scuola / Commenti