S. Agata de' Goti, area PIP: Assegnati 8 lotti

12:50:25 3421 stampa questo articolo
Carmine Valentino, sindaco di Sant'Agata dei GotiCarmine Valentino, sindaco di Sant'Agata dei Goti

Sono stati assegnati i primi 8 lotti del nascente nucleo di insediamenti produttivi nell'area PIP di località Capitone. Otto aziende daranno dunque vita all'area industriale santagatese occupando i primi 20.000 mq di un'area con accesso diretto alle più importanti arterie viarie che collegano Sant'Agata de'Goti con Benevento, Caserta e Napoli e pronta ad accogliere altre nuove realtà imprenditoriali.
Ricordiamo che l' Amministrazione Comunale aveva indetto nel 2012 un bando pubblico, poi riproposto nel 2013, per l’assegnazione e la cessione in diritto di proprietà delle aree ricadenti all’interno del Piano degli Insediamenti Produttivi, in località “Capitone. Nel bando veniva evidenziata, tra le altre prerogative, la priorità, nell'assegnazione dei lotti alle aziende che avrebbero garantito assunzione di giovani disoccupati locali.
“Crediamo molto, ha dichiarato l'assessore alle attività produttive Marco Razzano, in questa iniziativa che servirà a ridare slancio all'economia locale e che, per come è stata concepita, potrà offrire non solo chance di crescita al territorio ma anche opportunità di lavoro ai nostri giovani. Possiamo dire, ha sottolineato l’Assessore Marco Razzano, che dopo anni in cui nessun governo civico era riuscito a mettere a regime quell'area industriale, l’ Amministrazione Valentino ha saputo rilanciare un progetto che presentava non pochi punti critici, affrontati e risolti. Abbiamo ereditato dall’insediamento di questa Amministrazione, una situazione di stasi ed impasse tecnico-amministrativa rispetto ad un'opera che rappresentava, fino a quel momento, l'ennesimo spreco e l'ennesimo esempio di cattiva gestione pubblica. Oggi l'area PIP di Capitone è una nascente realtà industriale che può rappresentare un asset strategico per la competitività del territorio e per lo sviluppo della piccola e media impresa”.



Articolo di Valle Caudina / Commenti