Sir Arpaise, il commissario Asl Picker: "Firmata delibera di ristrutturazione"

19:42:46 2048 stampa questo articolo
Piazza Castello Piazza Castello

Questa mattina, lunedì 7 marzo, è stato deliberato dal commissario straordinario dell’Asl di Benevento Franklin Picker il progetto di ristrutturazione ed adeguamento dell’edificio Sir di Arpaise.

Come si ricorderà la struttura del Sir era nata alla fine degli anni 90 quando la Asl acquistò lo stabile dal Comune per avviare una sperimentazione a seguito della chiusura dei manicomi. Dal 2002 vari ospiti tra pazienti degli ex manicomi e giovani affetti da patologie psichiatriche vi hanno trovato accoglienza, con un vissuto molto integrato nel sociale della comunità.

Cinque anni fa, nel 2010, a causa di infiltrazioni di acqua dal tetto fu necessaria una riparazione, valutata con un intervento di 140.000 euro. Si avviarono e si conclusero i lavori di ristrutturazione ma i pazienti sparirono dalla Sir di Arpaise, in quanto trasferiti temporaneamente presso il vecchio ospedale di Sant'Agata Dei Goti. Stamani il commissario straordinario Asl di Benevento Franklin Picker ha firmato la delibera di ristrutturazione del Sir di Arpaise. 

“E’ nostra intenzione – ha detto il Commissario Straordinario - provvedere all’utilizzo dell’ immobile mediante il completamento della sua ristrutturazione, anche perché si tratta di un bene di proprietà aziendale. L’immobile è stato già utilizzato come struttura di degenza psichiatrica fino al 2008 e, con il trasferimento in altra sede della stessa, si è provveduto ad eseguire alcuni interventi di ripristino (rifacimento della copertura e risistemazione delle facciate e degli spazi esterni) in quanto necessari a garantirne l’agibilità. La struttura è, allo stato, disponibile ed utilizzabile, previa esecuzione dei necessari lavori di adeguamento funzionale ed impiantistico per renderla adatta alle esigenze di cura dei degenti destinati alle Sir.

L’intervento in progetto, il cui importo è pari a più di 800mila euro - ha concluso Picker - prevede anche la realizzazione di opere di efficientamento energetico (ovvero interventi finalizzati alla riduzione dei consumi al fine di ottenere un edificio in classe A) opere impiantistiche e di finitura varie”.



Articolo di Sanità / Commenti