Verde porta l'Avellino in vantaggio, Cisse' rimette le cose a posto. Il derby termina 1 a 1

17:13:17 2359 stampa questo articolo
Avellino - Benevento Avellino - Benevento

 

         (4-3-3)
      All. Baroni



Crango
    Benevento Calcio Serie B
 Gyamfi               Camporese   Lucioni                     

Lopez       

             Buzzegoli                      
                       Del Pinto
        
Chibsah                         
                     Ciciretti
Ceravolo                            Puscas
              Castaldo    Ardegmagni
Belloni       Verde
           Omeonga                        
D'Angelo   
 
Asmah            Djimisti
Jiday                  Gonzalez
                 (4-4-2)
           All. Novellino

Frattali   calcio serie B - Avellino


Torna il derby tra Avellino e Benevento, il primo in serie B. Gli irpini non ne vincono uno dal 2003 ed hanno avuto un avvio di campionato difficile costellato da 9 sconfitte che sono costate la panchina a Toscano. Inutile ribadire però che in partite come questa, le motivazioni si moltiplicano e se i sanniti non vogliono perdere terreno ma continuare a sostare nelle zone alte della classifica i biancoverdi invece vorrebbero vincere per dare una svolta al campionato e allontanarsi dalla zona rossa. Finisce senza vinti o vincitori la sfida del Partenio con l’Avellino che va subito in vantaggio e prova ma non trova il raddoppio poi cala e pensa solo a difendersi. Passata la sfuriata il Benevento prova a guadagnare metri e campo, nella ripresa si gioca ad una porta ed il goal arriva nel finale con Cissè. L’Avellino ha fatto quello che ha potuto – soprattutto nel primo tempo – il Benevento invece avrebbe da recriminare qualcosa soprattutto per come è entrato in campo.

Le scelte


Il 4-3-3 di Baroni sembrava cosa fatta ed invece il tecnico decide di non rischiare Padella, al suo posto dentro Camporese e rinnova la fiducia Gyamfi con Venuti che si accomoda in panchina. In mediana confermato il trio Buzzegoli – Chibsah e Del Pinto mentre novità in attacco: fuori Falco dentro Puscas chiamato ad agire sull’esterno insieme a Ciciretti e Ceravolo. Novellino non tradisce le attese inveece, si affida al 4-4-2 anche se deve rinunciare a Paghera e Donkor oltre a Soumarè, Gavazzi, Molina, Tassi, Migliorini e Perrotta. Non c’è neanche Lasik, che parte dalla panchina con Belloni e Verde sulle corsie esterne e la coppia Ardemagni – Castaldo in attacco mentre al centro al fianco di D’Angelo c’è Omeonga.

La gara

Avvio in sordina del Benevento che subisce l’ottimo impatto – molta aggressività – sul match degli uomini di Novellino. Al 2’ Ardemagni conquista subito un corner sulla respinta ci prova Asmah ma la palla giunge allo stesso Ardemagni che ci prova in rovesciata ma senza trovare lo specchio. Passa un minuto ed è Verde dal limite a tentare la conclusione ma Cragno devia in corner. Al 5’ ancora Avellino pericoloso con Ardemagni ma la palla si spegne alta sulla traversa. Il Benevento non riesce ad organizzarsi e subisce troppo le scorribande esterne di Belloni e Verde che al minuto 7’ è libero di arrivare fino al limite e con un sinistro a giro fulmina Cragno e porta in vantaggio i padroni di casa.

Il Benevento subisce il contraccolpo e l’Avellino potrebbe ancora approfittarne al minuto 14’ quando Belloni vede e serve la sovrapposizione di Asmah che conquista l’ennesimo calcio d’angolo sui cui sviluppi ci prova Omenga ma la retroguardia sannita respinge. La sfuriata dei lupi non finisce qui, mentre il Benevento appare incapace di arginare la manovra dei ragazzi di Novellino. Al 15’ goal annullato ad Ardemagni per fuorigioco e al 16’ ecco il primo tiro dei sanniti verso la porta di Frattali: Ceravolo scarica per Puscas che calcia dalla distanza ma il portiere di casa fa buona guardia. Al 20’ è ancora Verde a sfuggire a Chibsah e a tentare il lancio per Ardemagni ma è Buzzegoli a sbrogliare la situazione e mettere la palla ancora in corner.

La qualità del gioco del Benevento aumenta con il conseguente arretramento dell’Avellino ma non produce nient’altro che un tiro sbilenco di Ciciretti e la conquista di un corner. Nel frattempo Cozzi che sostituisce Baroni in panchina – squalificato – è costretto ad inserire Pezzi al posto di Lopez, infortunato. L’Avellino prova a rendersi pericoloso ancora intonro al 35’ con Belloni che la mette al centro per Castaldo che stacca ma in controtempo e allora Lucioni con calma può controllare e liberale l’area da un potenziale pericolo. La risposta il Benevento prova a darla subito con Ciciretti che va via a destra punta Asmah e prova il cross che però si spegne sul fondo.

Forse il primo vero pericolo il Benevento lo crea al minuto 37 quando Ciciretti mette al centro un buon cross per Ceravolo, Djimsiti lo anticipa ma sulla respinta si fionda Pezzi che calcia di prima intenzione ma Frattali blocca a terra.

La ripresa comincia senza cambi, e Asmah prova subito a mettere paura a Cragno con un cross dalla sinistra forse complice una deviazione la palle sbatte sul palo esterno con il pipelet sannita che sembrava essere sulla traiettoria. Passata la paura, il Benevento prova a spingersi in avanti prima con Puscas che guadagna un corner e poi con Ciciretti che in piena area esplode il destro che esce non di molto. Poco prima il lancio del solito Verde per il taglio di Ardemagni è favorito da una indecisione di Camporese ma è bravo Cragno in due tempi ad annullare tutto. Al 55’ altra palla goal per il Benevento con Pezzi che vede e serve Puscas che dal limite calcia ma è ottima la risposta di Frattali che ci mette i guantoni. Sulla ripartenza ci prova Castaldo da lontanissimo palla che sorvola la traversa.

Al 60’ ecco il cambio: fuori Buzzegoli dentro Falco e Benevento che passa al 4-2-3-1 tradizionale. Passano pochi minuti e sull’asse Falco – Ciciretti ecco che il Benevento potrebbe pareggiare con Puscas ma Frattali respinge e poi Del Pinto viene anticipato al momento del tiro. L’Avellino con il passare dei minuti si rintana nella propria metà campo mentre il Benevento attacca a testa bassa anche se non trova il guizzo giusto negli ultimi 16 metri. Al 70’ è l’Avellino invece a rendersi pericoloso su calcio d’angolo con Gonzalez che si avvita bene ma non trova lo specchio.

Il palleggio del Benevento è pregevole anche negli spazi strettissimi lasciati dall’Avellino ma non basta perché Novellino decide di rimpolpare la mediana inserendo Lasik e lasciando solo Mokulu in avanti preparandosi dunque a soffrire senza però rinunciare a giocare in contropiede come con Bidaoui che va al cross ma Cragno allontana poi ci prova Belloni ma la palla finisce in curva. All’80’ ci prova Falco dalla distanza ma Frattali ci mette i pugni. Un Benevento a trazione anteriore con l’ingresso anche di Cissè mentre l’Avellino è tutto rintanato nella propria metà campo.

La pressione del Benevento è premiata al minuto 82 quando Ciciretti si prende la responsabilità di battere un calcio di punizione dalla destra sul primo palo spunta la testa di Cissè che pareggia i conti. Un goal che come al solito arriva nei minuti finali a dimostrazione che il Benevento nell’ultimo quarto d’ora sia una macchina da guerra inarrestabile. Al minuto 88’ invece è Omeonga a provarci con un’azione personale ma la conclusione dell’ex Anderlecht viene repinta. Nulla da fare invece per i giallorossi sul calcio piazzato di Falco, respinto e poi il tiro debole di Gyamfi a poco meno di un minuto dalla fine.

Finisce così, con il Benevento che chiude in avanti alla ricerca disperata della rete che sarebbe valsa la vittoria. Punto comunque da non buttare via, e che vale il secondo posto al pari di Spal e Frosinone a -2 dalla capolista Hellas Verona. Domenica tra le mura amiche del Ciro Vigorito arriverà l’Ascoli.

Il tabellino

Avellino (4-4-2): Frattali; Gonzalez, Jiday, Djimsiti, Asmah; Belloni, Omeonga, D’Angelo, Verde(65’ Bidaoui); Castaldo(72’ Lasik), Ardemagni(56’ Mokulu). A disposizione: Offredi, Radunovic, Diallo, Grecco, D’Attilio, Camarà. All. Novellino.

Benevento (4-3-3): Cragno; Gyamfi, Camporese, Lucioni, Lopez(25’pt Pezzi); Chibsah, Buzzegoli(59’ Falco), Del Pinto; Ciciretti, Puscas(78’ Cissè), Ceravolo. A disposizione: Gori, Pajac, Padella, De Falco, Venuti, Jakimovski. All. Cozzi.

Arbitro: sig. Riccardo Pinzani di Empoli.
Assistenti: sig. Daniele Bindoni di Venezia e sig. Giovanni Baccini di Conegliano.
IV Uomo: sig. Fabrizio Pasqua di Tivoli

Marcatori: 7’ Verde (AV), 81’ Cissè (B)
Ammoniti: 7’ Verde (AV), 33’ Camporese (B), 44’ Frattali (AV), 65’ Pezzi (AV), 68’ Omenonga (AV), 86’ Del Pinto (B)
Angoli: 6 a 3 Avellino
Fuorigioco: 4 a 1 Avellino.
Recupero: 3’pt, 5’st.

Michele Palmieri

VIDEO Highlights Serie B. Avellino 1-1 Benevento. Giornata 18 Serie B



Articolo di Serie B / Commenti




" data-width="670" data-numposts="7">