Ripristino Pronto Soccorso a S.Agata, Sandra Lonardo: "Per far qualcosa di serio occorrono molti fondi"

16:37:2 1303 stampa questo articolo
Sandra LonardoSandra Lonardo

Sferzante il commento della senatrice di Forza Italia, Sandra Lonardo, a seguito delle dichiarazioni del governatore De Luca, di voler ripristinare il Pronto Soccorso a Sant'Agata dei Goti: "Ce ne vogliono proprio tanti di fondi per fare qualcosa di serio".

“Dalle parole del Presidente De Luca - dichiara la senatrice Lonardo - emerge un impegno a tener fede a quanto era già emerso nell’incontro con il sindaco della città di Benevento e cioè la volontà di ripristinare il Pronto Soccorso al Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, proporre l’Ospedale di Benevento come Dea di II livello e dare, poi, finanziamenti per la costituzione del Polo Oncologico di Sant’Agata de’ Goti. Ce ne vogliono proprio tanti di fondi per fare qualcosa di serio".

"E' su questo che continueremo a batterci, al fianco dei cittadini" - continua Lonardo - "ci auguriamo che si possa organizzare un tavolo istituzionale dove lavorare al meglio per trovare soluzioni unitarie, mettendo da parte i partiti, per trovare quella unità di intenti che solo se si è tutti “insieme” si raggiunge".

Sulle accuse di procurato allarme avanzate da De Luca, a proposito della soppressione del Pronto Soccorso attivo all’ospedale di Sant’Agata de’ Goti, Lonardo affonda: "Ma li legge i giornali di Benevento? No, perché se li leggesse, avrebbe constatato chi ha dato la notizia alla stampa. Il Pronto Soccorso attivo, è stato oggettivamente tolto, altrimenti non si capisce perché i cittadini ed i sindaci di quell’area, tra cui diversi del Pd, abbiano organizzato manifestazioni di protesta. La nostra disponibilità rimane e speriamo che questo tavolo si riunisca al più presto. Da tempo De Luca annuncia la sua venuta a Benevento, e venga! Non siamo in Papuasia. Venisse, chiarisse, anche con il Direttore Generale da lui nominato, e desse serenità ai cittadini di Benevento e Sant’Agata, che altro non chiedono che avere strutture ospedaliere atte a prestare cure per la salvaguardia della loro salute".

"Per il resto - conclude Lonardo - non accolgo le altre provocazioni del Governatore, che pure ha esternato, perché rispetto la Istituzione che Egli rappresenta, e poi perché sono sempre più convinta che si prendano più mosche con il miele che con l’aceto: non vuole essere un insegnamento, ma un suggerimento”.



Articolo di Partiti e associazioni / Commenti