A Solopaca per la Festa dell'Uva l'Associazione Commercianti propone "Il Percorso del Gusto"

21:57:52 5247 stampa questo articolo
Festa Uva SolopacaFesta Uva Solopaca

La degustazione dei vini di Solopaca e del Sannio, vere eccellenze del territorio, sarà accompagnata dall’assaggio di tipicità gastronomiche accuratamente selezionate.
 
La Festa dell’Uva di Solopaca costituisce la principale occasione per la valorizzazione del vino di Solopaca e della cultura enogastronomica locale, ricca di sapori e profumi, espressione della millenaria tradizione contadina. Nei giardini del Museo Enogastronomico (MEG), nei giorni 9, 10 e 11 settembre, dalle ore 19.00 alle 24,00, si terrà “Sapori Divini - Percorsi del Gusto e Street Food di Territorio”, organizzato dall’Associazione Commercianti e dalla Cantina di Solopaca, in collaborazione con la Condotta SloowFood Valle Telesina, coordinata da Luigi Cutillo.

L’edizione di quest’anno si preannuncia particolarmente interessante, interamente rinnovata e potenziata. Parteciperanno ben 19 cantine sannite, una presenza quasi triplicata rispetto allo scorso anno. Questo l’elenco delle cantine presenti nel Percorso del Gusto: Cantina di Solopaca, Masseria Vigne Vecchie, La Guardiense, Cantine Simone Giacomo, Azienda Agricola Osvaldo Petrucciano, Rossovermiglio, Elena Catalano, La Vinicola del Titerno, Collina di Roseto, Azienda Agricola Il Poggio, Lauranti, Vigne Sannite, Castelle, Vigne di Malies, Azienda Agricola Masiello 1923, Terre Stregate, I Colli del Sannio, Caputalbus, Cantina del Taburno.

La degustazione dei vini di Solopaca e del Sannio, vere eccellenze del territorio, sarà accompagnata dall’assaggio di tipicità gastronomiche accuratamente selezionate. “Tutti i prodotti della degustazione – spiega Giuseppina Casillo presidente dell’Associazione Commercianti Solopaca – sono stati preparati con grande dedizione e generosità dai vari operatori solopachesi del settore gastronomico (forni, pizzerie, ristoratori) con l’utilizzo di farine di grani antichi locali. Si potranno degustare pane nostrano, ‘vescotte’ (freselle) con i pomodori ‘vernetici’, ‘struscioli’ (rustici), salsicce tradizionali, tra le quali quella ‘poce’ o ‘di ventre’, formaggi secchi, morzette dolci (lisce o imbevute nel mosto cotto), uve da tavola”.

“Per la selezione degli ingredienti – continua – è stata preziosa la consulenza dello SloowFood che, per l’occasione, ha anche organizzato dei laboratori didattici presso il MEG. Il primo incontro si terrà venerdì alle ore 19,00 e sarà dedicato a ‘Pane e Grani antichi’. Seguirà sabato, alla stessa ora, il laboratorio ‘Salsiccia di poce e il maiale da cortile’. Ricca e articolata la giornata di domenica:si inizia alle ore 17,00 con un incontro didattico ‘Dire, fare, gustare’ dedicato ai bambini; alle ore 19,00 ‘L’olio extravergine’,alle 20,15 l’ultimo appuntamento I sentori e il piacere del vino".

“Con il vino e i prodotti tipici – conclude Giuseppina Casillo – ci auguriamo di far conoscere ai visitatori che ci onoreranno con la loro presenza, gusti e profumi antichi e suggestivi. Speriamo anche di offrire un riflesso della nostra cultura e delle nostre tradizioni, uno stimolo a scoprire un territorio ricco di bellezze paesaggistiche e storico-artistiche. Diceva infatti Arturo Marescalchi, uno dei più grandi esperti e storici dell’enologia: «il vino va bevuto con alto senso di poesia, quasi con religione. E poiché esso è veramente spirito della nostra terra, estasi della nostra luce, va bevuto nel quadro del paese, con la mente e il cuore pieni di ricordi, di vicende e di costumanze antiche e gentili»”.



Articolo di Enogastronomia e tipicità / Commenti