Appello del M5S: "Amianto su Ospedale Rummo, va rimosso"

7:55:26 2077 stampa questo articolo
Pronto soccorso Ospedale RummoPronto soccorso Ospedale Rummo

Ci sarebbe amianto su alcune strutture dell'Ospedale Rummo ed il Movimento 5 Stelle chiede all'amministrazione di intervenire.

“Sollecitati da un cittadino che da anni sta profondendo energie e denaro per la causa, a nostra volta sollecitiamo le autorità preposte, in primis il sindaco («Il sindaco è autorità sanitaria locale. In questa veste, ai sensi dell'art. 32 della legge n. 833/1978 e dell'art. 117 del D.Lgs. n. 112/1998, può anche emanare ordinanze contingibili ed urgenti, con efficacia estesa al territorio comunale, in caso di emergenze sanitarie e di igiene pubblica»), l’assessore all’Ambiente, i vertici dell’Ospedale “G. Rummo” e il Prefetto, a dare immediata esecuzione ad ordinanza di rimozione dell’amianto ancora presente all’interno della massima struttura ospedaliera cittadina, la cui presenza continua a produrre gravi per quanto impercettibili danni alla salute dei pazienti, degli utenti, dei lavoratori che ogni giorno rischiano di entrare a contatto con micro particelle provenienti dai più svariati materiali che li contengono ed utilizzate in maniera massiccia al Rummo (finanche al Pronto Soccorso dove ci risulta essere stata utilizzata lana vetro, equiparata nelle linee guida FAV - Fibre artificiali vetrose-, approvate con Intesa della Conferenza Stato Regioni rep. 59 CSR del 22 marzo 2015, all’amianto)”.

Così Marianna Farese e Nicola Sguera consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle che in una nota allegano anche l’intera documentazione e gli scambi di lettere con le varie amministrazioni negli ultimi dieci anni.

“La vicenda – continuano – si protrae dal 1995, come risulta dalla documentazione allegata, ed è ora di chiuderla in maniera definitiva. Ricordiamo che «i rischi per la salute dovuti all'uso dell'amianto derivano dal possibile rilascio di fibre microscopiche dai materiali all'ambiente. Queste fibre disperse in aria possono essere inalate dall'uomo e le malattie che ne conseguono sono pertanto associate all'apparato respiratorio. L'amianto è stato riconosciuto come un cancerogeno certo per l'essere umano». A quanto ci risulta, un’ordinanza è stata preparata dagli uffici competenti e attende solo di essere firmata dal sindaco per diventare operativa.
Il M5S ribadisce, con questa iniziativa, di essere a disposizione della cittadinanza attiva per valorizzarne le iniziative a tutela del territorio e della legalità”.



Articolo di Partiti e associazioni / Commenti