Festa dello struppolo. La XIII edizione sara' all'insegna del green

10:18:17 3875 stampa questo articolo
Lo Struppolo in fase di preparazione. Foto Elisa D'AmbroseLo Struppolo in fase di preparazione. Foto Elisa D'Ambrose

La salvaguardia dell’ambiente sarà il tema centrale di questa nuova edizione della Festa dello Struppolo, la XIII edizione che si snoderà tra i vicoli del centro storico dal 4 al 6 settembre. la Pro Loco di San Salvatore Telesino, da sempre attenta alla tutela del territorio è stata anche insignita di un riconoscimento importante, infatti, sarà l’unica Ecofesta in Campania.

San Salvatore è il paese degli orti, per salvaguardare tale peculiarità c’è bisogno anche di sensibilizzare e trasmettere ‘amore’ per la terra, ecco perché sono stati fortemente voluti ed installati in più angoli degli “orti urbani”. I prodotti ortofrutticoli utilizzati per la preparazione delle pietanze, sono di provenienza locale e denotano una ovvia predilezione per la filiera corta, caratterizzata da un numero limitato e circoscritto di passaggi produttivi, e in particolare di intermediazioni commerciali, che possono portare anche al contatto diretto fra il produttore e il consumatore e che ne garantiscono la genuinità; l’acqua è di rete e vengono utilizzate stoviglie in materiale biodegradabile in modo da evitare inutili accumuli di rifiuti.

La sensibilità proposta sul tema della salvaguardia dell’ambiente, unita a quella di tutti gli altri protagonisti della manifestazione permetterà di operare secondo i dettami di Legambiente così da difendere la straordinaria varietà ambientale e culturale del centro telesino.

Proprio per mantenere viva e attiva l’anima green della Festa dello Struppolo, questa nuova edizione si arricchisce della collaborazione di Maria Pia Cutillo, aderente al WWOOF, il Movimento mondiale che mette in relazione volontari e progetti rurali naturali promuovendo esperienze educative e culturali basate su uno scambio di fiducia senza scopo di lucro, per contribuire a costruire una comunità globale sostenibile.

Lo scopo, è di condividere la quotidianità rurale alla ricerca di stili di vita in armonia con la natura, e anche in questo caso si ritrova il senso dell’allestimento degli “orti urbani”, nati per essere gestiti da cittadini presenti sul territorio. L’interesse per la terra, infatti, torna prepotentemente tra le passioni degli italiani se è vero che quattro su dieci si dedicano alla cura del verde in giardini, orti o terrazzi. Nonostante la “ruralità” che ancora contraddistingue, alcuni territori ed aspetti della vita nel Sannio, gli organizzatori hanno ritenuto con questa azione, di sensibilizzare le nuove generazioni “all’arte del coltivare” nel rispetto della memoria storica del luogo in cui si vive.

Ma non solo, perché la sensibilizzazione partirà proprio dai bambini e dunque dagli uomini e dalle donne del domani. Come? Grazie ad alcuni laboratori – gratuiti – di riciclo creativo adatto per i bambini dai 5 anni in su, denominati “Io riciclo..Io ricreo”, a cura di Non più Leonia che ha sede proprio a San Salvatore Telesino.

Lo scopo, è quello di riuscire a far mutare la percezione che di solito si ha dei rifiuti. Essi, sono una risorsa e per riuscire in questo, gli operatori che seguiranno i ragazzi nelle attività, utilizzeranno il metodo delle 4R (seguendo la strada tracciata dalle 8 R di Serge Latouche, teorico e padre della cosiddetta “decrescita felice”: rivalutare, riconcettualizzare, ristrutturare, ridistribuire, rilocalizzare, ridurre, riutilizzare, riciclare. ndr).

Quali sono le 4R.

Riduzione: produrre meno rifiuti, e per riuscirci è necessario acquistare prodotti imballati il meno possibile, non utilizzando gli shopper di plastica e dunque servirsi di prodotti magari ricaricabili.

Riutilizzo: il metodo più semplice è quello di ‘rigettare’, in pratica, la teoria dell’usa e getta.
Recupero: valorizzare i rifiuti, magari provando a ricavarne energia. Riciclo: ovvero, rigenerare i rifiuti, tramite la raccolta differenziata.

In conclusione, la Festa dello Struppolo, è stata anche censita nel portale italive.it e ammessa alle votazioni per il "Premio Italive 2015".

Italive.it, è una iniziativa promossa dal Codacons che vede la partecipazione di Autostrade per l’Italia e la collaborazione di Coldiretti. È un programma di promozione turistica che informa gli automobilisti su, “quello che accade nel territorio che attraversano e presenta un calendario aggiornato dei migliori eventi organizzati, anche alla scoperta di eccellenze enogastronomiche”.

Inoltre, “le votazioni espresse dai visitatori, che saranno raccolte fino a fine anno e giudicate da una commissione di esperti, determineranno il vincitore del Premio di quest'anno. Nel 2014 Italive.it ha raccolto oltre 517.572 giudizi di valutazione dai suoi 2,3 milioni di utenti unici; sono arrivate in redazione 11.742 segnalazioni di eventi, di cui 3.488 ammessi alla votazione dalla apposita commissione di esperti, secondo criteri oggettivi di organizzazione, competenza, affidabilità, storicità, comunicazio¬ne e soggetti di originalità, attrattività e altro analogo”.

Per votare clicca qui



Articolo di Enogastronomia e tipicità / Commenti