Festa del Torrone e del Croccantino. San Marco dei Cavoti diventa capitale del gusto

14:54:16 4211 stampa questo articolo
Croccantino Croccantino

Battutto il record del maxi croccantino dello scorso anno. Il mega torrone per l'edizione 2017 ha raggiunto i 61 metri e 60 centimetri.

Un territorio che vuole puntare seriamente su turismo e cultura enogastronomica non può certo ignorare e valorizzare le sue eccellenze ed i suoi eventi più attrattivi. Seguendo questa mission è stata inaugurata  la "Festa del Torrone e del Croccantino" di San Marco dei Cavoti, giunto alla sua XVII edizione, che, come ormai da tradizione, si terrà nei due weekend antecedenti al Natale (7-10 dicembre e 15-17 dicembre).

Il pubblico presente ha assistito alla cermonia inaugurale ( spettacolo delle Majorette e Sbandieratori a cura dell'Istituto comprensivo di San Marco dei Cavoti) di uno dei principali eventi gastronomici della Campania con "Sua Maestà" il torrone grande protagonista: ad impreziosire ulteriormente l'evento è la location di San Marco dei Cavoti, uno dei borghi più suggestivi del Sannio che, anno dopo anno, viene scoperto,
conosciuto ed apprezzato dai turisti.

"Questo evento cresce anno dopo anno - ha sostenuto il primo cittadino di San Marco dei Cavoti, Giovanni Rossi - così come cresce il territorio. Se oggi siamo qui tutti uniti, con i sindaci dei comuni del comprensorio del Fortore, è perchè crediamo fortemente in un progetto comune di sviluppo turistico. Il croccantino è un patrimonio di San Marco dei Cavoti, le aziende del borgo che lo producono sono autentiche e adoperano prodotti locali al fine di garantire gusto e qualità. Questo evento è una grande opportunità per il territorio ma anche per chi vuole conoscere il nostro borgo grazie alle tantissime iniziative dell'edizione 2017".

Quest'anno l'iniziativa rientra nel progetto "Welcome to Sannio", un brand di promozione territoriale che unisce a San Marco dei Cavoti (comune capofila), i borghi di San Giorgio La Molara, Ginestra degli Schiavoni, Buonalbergo e Castelfranco in Miscano. I sindaci dei comuni aderenti al progetto hanno presenziato alla cerimonia di inaugurazione insieme alle autorità invitate nel borgo fortorino: "L'idea di riunire in un unico programma i principali eventi dei territori aderenti al progetto – ha sostenuto il prefetto di Benevento, Paola Galeone – è un grande segno di maturità e miglioramento".

Dello stesso avviso il sottosegretario alle Infrastrutture del Governo Gentiloni, Umberto Del Basso De Caro che ha ribadito il massimo impegno a dare nuovo sviluppo ai territori del Fortore grazie all'ampiamento della Statale 212 che già collega Benevento con San Marco dei Cavoti e, in futuro, raggiungerà i comuni più a monte del territorio sannita aprendo ad interessanti scenari e facili collegamenti interni tra Sannio, Molise e Puglia.

Un prodotto secolare il croccantino di San Marco dei Cavoti: una bontà che si ottiene disponendo nella torroneria il miele e lo zucchero. Il torrone croccantino rispetta le antiche regole tradizionali di produzione: un prodotto che grazie alla sua qualità, è uscito fuori dai confini regionali, diventando una prelibatezza conosciuta in tutta Italia. Un evento nell'evento, visto che oltre agli itinerari del torrone, la Festa
prevede numerose iniziative al fine di impreziosire la visita di turisti e "food-trotter". Numerosi "show-cooking", concerti e degustazioni fino al momento clou che si è tenuto ieri, domenica 10 dicembre, alle ore 15.00, quando tutti i torronifici del borgo fortorino hanno dato spettacolo con la creazione del megacroccantino che ha occupato tutto il percorso del centro storico. L'obiettivo, riuscito, era quello di superare il record dello scorso anno quando la mega-leccornia superò i 60 metri di lunghezza: il pubblico presente non ha avuto modo non solo di assistere all'opera ma anche di assaggiarla.

Presente ieri anche il consigliere regionale Mino Mortaruolo. "Il Sannio è una terra straordinariamente bella, ricca di storia e di eccellenze enogastronomiche. Sono stato a San Marco dei Cavoti per la XVII Festa del Torrone e del Croccantino – ha spiegato Mortaruolo – mentre i maestri del torrone si sono messi all'opera per battere un record: superare i 60 metri di lunghezza. Il croccantino è un patrimonio di San Marco dei Cavoti e come Regione Campania abbiamo scelto di sostenere iniziative come questa che sono una grande opportunità per far conoscere il nostro Sannio e le sue prelibatezze. L'entusiasmo dei maestri del torrone a San Marco dei Cavoti è stato premiato. Il record del maxi torrone è stato raggiunto con 61 metri e 60 centimetri. Complimenti a tutti i partecipanti, al Comune di San Marco dei Cavoti e a
tutti gli organizzatori della XVII Festa del Torrone e del Croccantino".



Articolo di Enogastronomia e tipicità / Commenti