Industria automobilistica: tensione tra Europa e Cina per la concorrenza sul mercato delle auto elettriche

9:55:51 3987 stampa questo articolo
Auto elettricheAuto elettriche

La visita di Xi Jinping in Serbia, riaccende i riflettori sui sussidi alle auto elettriche in Europa.

La recente visita del Presidente cinese Xi Jinping in Europa ha riportato alla luce le tensioni commerciali tra l'Unione europea e la Cina, con particolare riferimento al settore delle auto elettriche. La Commissione europea ha infatti avviato un'indagine sui possibili sussidi illegali concessi dal governo cinese ai propri produttori di auto elettriche, pratica che potrebbe distorcere la concorrenza nel mercato globale.

Auto elettriche, numeri a confronto: Europa vs Cina

Per comprendere meglio il quadro della situazione, è utile analizzare i dati di produzione di auto elettriche di entrambe le regioni. Secondo i dati dell'Acea, l'associazione europea dei costruttori di automobili, nel 2023 l'industria europea ha prodotto 2,3 milioni di auto elettriche, registrando una crescita del 38% rispetto all'anno precedente. Tuttavia, questo dato appare ancora esiguo se confrontato con la produzione cinese: nel 2023, la Cina ha infatti prodotto 6,8 milioni di auto elettriche, dominando il mercato globale con una quota del 55%.

L'Italia nel panorama europeo delle auto elettriche

All'interno del panorama europeo, l'Italia gioca un ruolo di discreta rilevanza nel settore delle auto elettriche. Nel 2023, i costruttori automobilistici italiani hanno prodotto circa 200.000 auto elettriche, posizionando il Paese al sesto posto in Europa per volumi di produzione. Nonostante questo risultato positivo, l'Italia rimane ancora distante dai giganti del settore come Germania e Francia, che nel 2023 hanno prodotto rispettivamente 700.000 e 500.000 auto elettriche.

Sfide e opportunità per il futuro

La concorrenza cinese rappresenta una sfida importante per l'industria automobilistica europea, in particolare per l'Italia. I prezzi più bassi delle auto elettriche cinesi, dovuti in parte ai presunti sussidi governativi, rischiano di mettere in difficoltà i produttori europei, soprattutto quelli che operano nelle fasce di mercato più basse. Tuttavia, l'Europa ha dalla sua parte diversi punti di forza, come la sua avanzata tecnologia in materia di batterie e la sua attenzione alla qualità e alla sicurezza dei veicoli.

Per rimanere competitive in questo mercato in rapido sviluppo, le industrie europee e italiane dovranno quindi puntare sull'innovazione, sulla specializzazione in segmenti di mercato ad alto valore aggiunto e sulla collaborazione tra i vari attori della filiera automotive. Inoltre, sarà fondamentale il sostegno da parte dei governi europei, attraverso politiche industriali mirate e investimenti in ricerca e sviluppo.

La partita per il futuro della mobilità elettrica è solo all'inizio, e il ruolo dell'Europa e dell'Italia sarà fondamentale per determinare chi saranno i protagonisti di questo mercato in continua evoluzione.



Articolo di Industria / Commenti