Benevento - Venezia. Bucchi: "Ci aspettano 17 finali". I convocati dei due tecnici

14:59:2 1041 stampa questo articolo
Cristian BucchiCristian Bucchi

Tra i convocati ci sono tutti i nuovi arrivi in casa giallorossa, recuperato Viola. Out Maggio e fuori ancora Puggioni. 

Archiviata la sosta e chiuso il mercato, il Benevento è pronto a scendere in campo ed a riprendere il cammino in campionato. Nella ventiduesima giornata di Serie Bkt, i giallorossi ospitano il Venezia di Walter Zenga che sul mercato si è rafforzato e non poco con la squadra che vive un buon momento di forma. Nella consueta conferenza stampa pre-gara, Cristian Bucchi, ha toccato diversi temi.

Mercato: “Sono contento che sia finito il mercato. Le operazioni, soprattutto in uscita, erano impostate verso coloro che avevano effettuato meno minutaggio e si sentivano penalizzati. Hann avuto trattative che hanno valutato: Billong ha preferito giocarsela da un’altra parte e avere più spazio, Costa invece ha preferito rimanere con noi. Non dobbiamo trattenere nessuno, se qualcuno ha delle motivazioni che lo spingono a voler qualcosa di diverso è giusto che le segua. Anzi, apprezzo la lealtà”.

Arrivi: “Sono contento dei ragazzi che sono arrivati che per motivi diversi hanno tutti e tre voglia di dimostrare. Armenteros ha vissuto a Benevento una parentesi particolare, ha ripreso a lavorare con la squadra e stiamo cercando di metterlo nelle migliori condizioni possibili. Crisetig, è un calciatore giovane ma con qualità ed 80 presenze in A. Davanti alla possibilità di venire a Benevento ha colto l’occasione voglioso di giocare continuità, di riconquistarsi qualcosa. Caldirola è un ragazzo giovane e con tante esperienza, uno dei talenti del calcio italiano. Per noi è l’occasione di ritrovare un calciatore importante, per lui è l’occasione di tornare in Italia e far vedere che c’è”.

Viola: “Siamo contenti che sia tornato a lavorare con la squadra, mancava dal 30 novembre. Ora deve ritrovare la migliore condizione e lo farà allenandosi e giocando. Domani non credo sia utilizzabile per 90’. Viola e Crisetig possono giocare insieme, hanno caratteristiche comuni ma sono diversi. Nicolas può fare il play, forse preferisce muoversi ed occupare altre posizioni come quando c’era Sandro ma credo che non bisogna porsi dei limiti ed i difetti sono migliorabili. Io credo che Viola possa giocare con chiunque. In base alle partite, sceglieremo. Oggi abbiamo un centrocampo che ci offre tante soluzioni”.

Billong: “Non è stata una forzatura cederlo. Lui ha giocato con una ottima continuità fino ad un certo punto, dopo Cosenza abbiamo trovato l’assetto con Antei centrale e dentro di lui c’era la sensazione di trovare meno spazio nel girone di ritorno e mi ha chiesto qual era il mio pensiero. Io non ho preclusioni, lo dimostra il fatto che in questa squadra hanno giocato tutti, lui ha deciso di andare a Foggia anche se aveva ricevuto altre offerte. Ci siamo salutati con dispiacere per il rapporto ed augurandogli il meglio, resta comunque un calciatore del Benevento Calcio.

Difesa: “Tuia può fare il centrale: è esplosivo, di copertura ma anche intelligente tatticamente con ottima qualità per far iniziare l’azione. Caldirola può giocare in una difesa a tre sia da centrale che da centrale di sinistra ed in una difesa a 4 anche come terzino, lo ha fatto spesso anche al Werder.

Scelte: “Oggi ho tante possibilità. Tante Viola che è indietro sul piano della condizione, gli altri sono tutti vogliosissimi e lasciarli fuori è un dispiacere ma bisogna fare delle scelte con la finalità che il bene della squadra viene prima di quello personale. Tutti possono servire chi dall’inizio e chi a partita in corso. Ci aspettano 17 finale, c’è un atteggiamento che non dobbiamo perdere, i moduli mettiamoli da parte. Abbiamo un organico concreto con tante soluzioni e la squadra è matura per metterle in pratica. Atteggiamento, solidità e continuità dei risultati”.

Venezia: “Non dobbiamo lasciarci distrare dalla sosta, ho detto ai ragazzi che è uno stacco fisico ma non mentale. Molte squadre sono camaleontiche in questo campionato, poche quelle non aperte ai cambiamenti. La squadra di Zenga nelle ultime due gare si è adeguata agli avversari tornando all’atteggiamento che avevano lo scorso anno e credo che con noi faranno lo stesso. Il Venezia ha buone geometrie, sa soffrire, viene da tre risultati utili, è una di quelle 17 finali e noi dobbiamo essere bravi a fare le cose nel miglior modo: aggressività, muover palla, trovare gli spazi e non lasciarci prendere dalla foga”.

Costa: “Ha avuto delle possibilità ma non so perché non siano andate in porto. Non siamo dispiaciuti della sua mancata partenza. Andrea si è sempre allenato bene e nel momento in cui sarà chiamato in causa si farà trovare pronto. È un ragazzo positivo, non si è mai tirato indietro ed è sempre di aiuto al gruppo”.

Ricci: “La possibile trattiva non è partita da Benevento. Da lui ci aspettavamo grandi cose ed è vero così come in campo non è riuscito ad esprimere tutto quello che ha dentro ma sono convinto che lo farà nel girone di ritorno. Va anche detto che è stato penalizzato da quelle sono state le mie scelte ma ci darà soddisfazioni”.

Volpicelli – Goddard: “Si, Volpicelli poteva partire per farsi le ossa ma probabilmente non si sono incastrate delle situazioni. Per Goddard, la situazione è diversa. Si tratta di un investimento fatto dal Benevento e parliamo di un giovanissimo che ha grandi doti anche se deve ancora crescere sul piano fisico. Si allena, sta imparando la lingua e potrà darci una mano”.

Le altre di B: “Ogni squadra ha trovato gli elementi giusti per puntellare le rose. Nel girone di andata abbiamo visto tante sorprese ma è la normalità. Il Padova ha fatto una rivoluzione ma anche Cosenza e Venezia si sono mosse bene sul mercato. Sarà tutto più difficile e lo sarà ogni gara ed i risultati lo dimostrano. Bisognerà essere pronti, lavorare sui dettagli perché ora tutto farà la differenza”.

I convocati del Benevento

Resi noti i convocati per la sfida di domenica alle ore 15.00 con Bucchi che deve rinunciare al solo Maggio mentre Puggioni è fuori per scelta tecnica. Convocati invece Viola, Crisetig e Caldirola.

Portieri: 12 Montipò, 22 Gori, 32 Zagari;

Difensori: 7 Di Chiara, 18 Gyamfi, 3 Letizia, 5 Antei, 15 Costa, 14 Volta, 13 Tuia, 35 Caldirola;

Centrocampisti: 25 Bandinelli, 4 Del Pinto, 8 Tello, 10 Viola, 34 Crisetig, 21 Goddard;

Attaccanti: 9 Coda, 16 Improta, 19 R. Insigne, 17 Buonaiuto, 27 F. Ricci, 33 Armenteros, 29 Asencio.

I convocati del Venezia

Zenga deve rinunciare alla punta di diamante Di Mariano (squalificato) ed in laguna restano anche Citro e Geijo così come Zigoni e Fabiano. Ci sono invece i volti nuovi, da Bocalon a Besea con Mazan, e l’ex Lombardi. Convocato anche il calciatore sannita, Mauro Coppolaro.

Portieri: Facchin, Lezzerini, Vicario.
Difensori: Bruscagin, Domizzi, Modolo, Mazan, Coppolaro, Cernuto, Garofalo, Zampano.
Centrocampisti: Bentivoglio, St. Clair, Zennaro, Besea, Suciu, Pinato, Segre, Schiavone.
Attaccanti: Lombardi, Rossi, Bocalon, Vrioni.

M. P. 



Articolo di Serie B / Commenti