Bucchi: "Primi venti minuti non mi sono piaciuti, vittoria legittima"

18:30:5 915 stampa questo articolo
Cristian BucchiCristian Bucchi

Le parole del tecnico giallorosso dopo la vittoria 3 a 0 dei sanniti contro i lagunari.

Cristian Bucchi subito dopo la vittoria, larga, contro il Venezia è giunto in sala stampa per commentare la prova dei giallorossi. Una gara che si è sbloccata solo nel secondo tempo con i goal di Insigne(doppietta) e Coda (rigore). Un primo tempo, invece, in appanno – soprattutto nei primi 20’ - anche se la Strega costruisce palle goal a grappoli senza mai riuscire a segnare.

“Sapevamo sarebbe stata una partita difficile. Quando hanno deciso di passare alla linea a tre (a cinque in fase di non possesso, ndr) avevamo intuito che sarebbe stato difficile trovare il buco giusto anche se poi ci lasciavano palleggiare. Non mi sono piaciuti l’approccio, i primi venti minuti ed alcune scelte. Nei primi minuti abbiamo portato poca aggressione e questo li ha spinti a giocare. Detto questo, devo dire che per il resto abbiamo fatto bene: rischiato poco in tutto l’arco della gara, creato tante palle goal e colpito un palo. Certo, alla fine l’errore di Gyamfi poteva costarci caro ma il pareggio sarebbe stato un risultato bugiardo. Dobbiamo fare di più, possiamo farlo. Ripartiamo, dunque da questi settanta minuti ben disputati”.

Coda – “Massimo ha tirato in porta sei volta, la bravura di un giocatore e di un’attaccante si vede anche nello smarcarsi, nel farsi trovare e lui devo dire che lo sta facendo bene. In avanti chi non deve dare punti di riferimento è Insigne che fa molto meglio il trequartista, la seconda punta che l’esterno. Va migliorata la lettura, l’affinità non possono andare tutti e due ad accorciare ma deve essere bravo ad allungare la squadra, a spezzare la linea difensiva. Quando dico che gioca con il freno a mano tirato è per questo. Se Coda toglie il freno a mano può divertirsi e farci divertire”.

Espulsione Domizzi – “Non ho visto bene, stavo parlando con il quarto uomo perché Tello aveva ricevuto un colpo alla testa e volevo sapere perché il gioco non era stato fermato. L’azione dopo il calcio di punizione però è continuata, il Venezia ha protestato per un presunto tocco, ed è nato il parapiglia”.

Centrocampo
– “Avevamo preparato la gara puntando sull’aggressività e non siamo stati bravi a farlo e siamo andati in difficoltà anche perché i quinti non hanno reso al massimo. Questo ci costringeva a lasciarli giocare mentre noi ad arretrare. Poi, dopo venti minuti finalmente siamo riusciti a portare la giusta pressione, a rubar palla. Rispetto all’andata, dove siamo calati alla distanza oggi abbiamo fatto il contrario. Tello era in panchina solo per una scelta tecnica, Andres è un giocatore può dare tanto ma Buonaiuto ha una buona gamba, sa andare nell’uno contro uno e può tirare da fuori. Poi ho sempre detto che l’avversario e la condizione saranno determinanti nelle scelte”.

Classifica – “Oggi l’ho vista. In Serie B ed oggi ne avete avuto la prova non ci sono avversari facili. Il Venezia veniva da due pareggi ed una vittoria e ritengo che siano tre punti importanti così come importante non aver preso goal ed aver dato continuità al punto conquistato a Lecce. Ora, con la giusta concentrazione dobbiamo pensare al derby di venerdì contro la Salernitana”. 

Episodi – “E’ giusto che ognuno tira l’acqua al suo mulino, io cerco di farlo con la massima onestà, ma sono sempre l’allenatore del Benevento. Detto questo, credo che la nostra sia una vittoria legittima. D’altronde, le partite non sempre si vincono creando 20 occasioni. Non so a quali episodi facessero riferimento i dirigenti del Venezia, anche noi negli scontri diretti con Verona, Lecce e Brescia non siamo stati fortunati ma guardo in casa mia”.

Crisetig – “Sta bene è uscito solo per crampi e la sua prestazione mi è piaciuta molto. Ha qualità, sa dettare bene i ritmi, lo abbiamo voluto fortemente ed oggi nonostante la marcatura a uomo si è ben comportato”.

Bandinelli – “Sa inserirsi, arriva spesso in area ed in fase di rifinitura è migliorato. Certo, alle volte è un po’ superficiale ma è importantissimo”.

Derby – “Mi aspetto una gara molto fisica, hanno una rosa ben strutturata. Noi andremo lì per fare la nostra gara e portare a casa i tre punti”.



Articolo di Serie B / Commenti