Assegnazione carburante agricolo, Coldiretti: "Serve accelerare"

19:44:31 1887 stampa questo articolo
Masiello e SossiMasiello e Sossi

Coldiretti Benevento chiede maggiore attenzione sulla questione alla luce dell'aumento del gasolio e dell'immobilismo della piattaforma informatica.

"Il 30% delle richieste di assegnazione di gasolio agricolo per il 2017 presentate da Coldiretti è ancora in attesa". È quanto dichiara il presidente Gennarino Masiello commentando i dati raccolti dalla propria Federazione.

"Dei libretti presentati in forma cartacea sino ad ora - continua - solo il 50% ha avuto assegnato i 7/12 sulla dotazione del 2016, mentre un altro 15% di domande è stato respinto e il restante 5% di istanze inviate telematicamente è fermo negli uffici regionali e non ancora lavorato. Una percentuale troppa alta, che rischia di danneggiare le oltre 12mila aziende agricole del Sannio costrette a fare i conti anche con un aumento del carburante che dai 50 cent a litro di gennaio è passato a 70/75 di aprile, con un incremento del 20% solo nell'ultimo mese. Le pratiche colturali in questo periodo entrano nel vivo, quindi chiediamo un'accelerata sulle pratiche per rimediare a una componente che potrebbe compromettere seriamente la piena operatività delle aziende".

“La Regione Campania - ricorda Coldiretti - dispose qualche mese addietro la modifica della procedura informatica da utilizzare per le domande di assegnazione di gasolio agricolo per il 2017. Una piattaforma unica che doveva rispondere a una logica di semplificazione ma che non funzionò
pienamente e spinse la struttura regionale a concedere che le istanze di richiesta potessero essere presentate anche in formato cartaceo”.

"Paradossalmente ad oggi - aggiunge il direttore Francesco Sossi – sono proprio le istanze inviate telematicamente quelle che non sono state ancora lavorate. Oltre alla solerzia, chiediamo, dunque, anche che la piattaforma informatica sia resa pienamente funzionale in maniera tale da semplificare realmente la mole di adempimenti burocratici cui le aziende devono assolvere periodicamente".



Articolo di Agricoltura / Commenti